Fino a poco tempo fa, l’idea che la Chiesa d’Inghilterra potesse entrare nel cannabusiness mondiale non era neanche un’ipotesi remota. Però, da quando lo scorso anno il paese ha cominciato a regolare l’uso medico della cannabis per determinate patologie e attraverso la prescrizione medica, questa ipotesi ha preso sempre più corpo fino a materializzarsi pochi giorni fa. L’inaspettato annuncio è stato dato al Financial Times da Edward Manson, responsabile del fondo d’investimento della Chiesa, uno dei più grandi al mondo con i suoi oltre 14 miliardi di dollari.

L’intenzione è quella di fare sostanziosi investimenti etici nella nuova industria della cannabis. La storica decisione di cambiare le proprie regole interne relative agli investimenti è arrivata quasi improvvisamente, ma non sorprende poi così tanto, soprattutto alla luce degli evidenti benefici economici che il settore sta portando in diversi paesi. In ogni caso, dall’istituzione ci tengono a far sapere che “facciamo un distinguo tra cannabis ricreativa e cannabis terapeutica. Siamo favorevoli all’utilizzo di cannabis purificata di grado medico in un contesto medico adeguato”.

Che un’istituzione così antica, il cui capo supremo è niente meno che la regina Elisabetta II, abbia espresso il proprio interesse per questo settore, è di certo una grossa novità. Un cambiamento che speriamo possa ispirare anche il nostro paese, da sempre considerato piuttosto conservatore su certe tematiche.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.