IMG3

In questo articolo noi della Sicilcanapa abbiamo deciso di parlarvi della carta di canapa, per darvi una visione completa di tutte le possibili applicazioni di questa coltura, andando al di là del solo aspetto alimentare trattato fin’ora.

Si parla molto di ambiente e di ecosostenibilità in questo periodo storico, ed effettivamente una speranza esiste davvero: la canapa.

La canapa tra le tante specie coltivate, è stata una delle poche conosciute fin dall’antichità sia in Oriente che in Occidente. In Cina, ad esempio, essa era usata fin dalla preistoria per fabbricare corde e tessuti, e più di 2000 anni fa è servita per fabbricare il primo foglio di carta.

La canapa, ricordiamo, ha un campo vastissimo di possibili utilizzazioni, e secondo diversi ricercatori è la risorsa naturale di maggior valore e più versatile del mondo.

Forse non tutti sanno che con la stoppa della canapa si può fabbricare una carta di alta qualità, sottile e resistente.

Una volta estratta la fibra tessile o dopo aver raccolto i semi, rimangono la stoppa più la parte legnosa o canapulo, altre importanti materie prime. Con le corte fibre cellulosiche del legno si può produrre, invece, una carta di uso più comune, come la carta di giornale, i cartoni ecc.

Fare la carta con la fibra e il legno della canapa comporta importanti vantaggi: innanzitutto per la sua enorme produttività in massa vegetale, e poi perché la si può ottenere attraverso un’unica coltivazione insieme alla fibra tessile o ai semi, da cui ricordiamo si ricavano i prodotti alimentari: olio di canapa, farina di canapa, semi decorticati, tutti prodotti dalle preziose proprietà nutritive e salutistiche.

Per quanto riguarda la produzione della carta, la canapa ha un altro grande vantaggio, ovvero la bassa percentuale di lignina rispetto al legno degli alberi, che ne contengono circa il 20% oltre ad un’analoga percentuale di sostanze leganti. Il processo che conduce ad ottenere le microfibre pulite di cellulosa, e quindi la pasta per la carta, prevede l’uso di grandi quantità di acidi che servono per sciogliere il legno. Questo procedimento non solo è costoso, ma è anche inquinante e non è affatto necessario con la carta di canapa ottenuta dalla sola fibra. C’è anche da dire che la fibra e il legno della canapa sono già di colore bianco e la carta che se ne ottiene è già stampabile. Mentre i composti chimici utilizzati per sbiancare e trattare la carta ottenuta della fibra di legno, sono dannosi e responsabili dei danni allo strato di ozono nell’alta atmosfera.

Dott.ssa Stefania Martorina
Amministratore Unico
www.sicilcanapa.it





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.