Di come la criminalità organizzata in Italia stia puntando con sempre maggior determinazione sul business della cannabis vi erano evidenze già da tempo. Ora, grazie a un fotoreportage pubblicato da L’Espresso ne arriva anche la testimonianza visiva. Migliaia di piante coltivate direttamente dalla ‘ndrangheta in Aspromonte.

Curioso che le fotografie arrivino a pochi giorni di distanza dalle parole del procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, che aveva detto che la cannabis rappresenta un profitto marginale per la criminalità organizzata. Forse il procuratore, ormai mascotte dei proibizionisti, avrebbe bisogno di un corso di aggiornamento.

marijuana-in-aspromonte-1

Alture dell’Aspromonte, tra Vibo Valentia e Reggio Calabria, a una cinquantina di chilometri dal capoluogo: in mezzo ai boschi di querce e larici si distinguono due macchie più chiare, al centro della foto verso il basso: sono coltivazioni di cannabis gestite dalla ‘ndrangheta. Come questa, ci sono centinaia di piantagioni disseminate nelle aree boschive più impervie della Campania e della Calabria.

marijuana-in-aspromonte-2

Le coltivazioni sono sempre poste in aree difficili da raggiungere e protette da rovi e fitta vegetazione. Ciò rende molto difficile scoprire le piantagioni.

marijuana-in-aspromonte-4

Ad ogni sequestro di una piantagione di solito segue il rogo delle piante già sul posto. Così infatti è solitamente richiesto dai magistrati.

marijuana-in-aspromonte-5

Uno scatto aereo di una frazione di Santo Stefano d’Aspromonte, comune di circa mille abitanti a una trentina di chilometri da Reggio Calabria, nel cui territorio i carabinieri ogni anno trovano almeno una piantagione di marijuana gestita dai clan.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.