“Non vorrei dire “l’avevo detto” ma… l’avevo detto!”. Esordisce così il dottor Marco Ternelli sull’ultimo numero di Dolce Vita, per spiegare che, come previsto, la cannabis a disposizione dei pazienti italiani non basterà nemmeno quest’anno. Ogni anno infatti, nonostante gli appelli e le prese di posizione di pazienti e associazioni, il fabbisogno di cannabis medica viene sottostimato, con il risultato che ciclicamente mancano o tutte o alcune delle varietà disponibili sul mercato. Una situazione ormai insostenibile, anche perché la politica ne è pienamente a conoscenza, visto che è dal 2018 che è stata avanzata l’idea di ampliare la produzione di cannabis nazionale, andando oltre lo Stabilimento di Firenze che ad oggi produce in regime di monopolio.

Il problema è che la produzione italiana non riesce a superare i 100/200 kg l’anno, a fronte di un fabbisogno che nel 2020 è stato calcolato in circa 2 tonnellate. Il resto la importiamo, pagandola a caro prezzo da Olanda e Canada, ma anche questa non basta per tutti i paesi europei che ne fanno richiesta.

Secondo il dottor Ternelli, farmacista molto esperto nel settore, “coloro che usano cannabis da anni ricorderanno che una carenza di cannabis era cominciata a metà 2017. Oggi si rischia di avere la stessa situazione, solo che nel frattempo sono passati 3 anni, vale a dire 3 anni di nuovi pazienti e nuove terapie. È presumibile che questo stesso problema nel 2020 darà effetti molto più pesanti (es. maggior numero di terapie interrotte).

E intanto l’ennesimo appello arriva dal Radicale Lorenzo Lipparini, assessore alla Partecipazione del comune di Milano. “La produzione di cannabis a scopo terapeutico in Italia è assolutamente insufficiente. Il monopolio sulla produzione è lasciato dal governo allo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, unico ad avere l’autorizzazione per produrre farmaci derivanti dalla cannabis. Per rispondere alla richiesta di malati e ospedali, l’unica soluzione è autorizzare nuovi soggetti pubblici o privati. Noi come Comune abbiamo approvato una mozione che chiede di attivarci per trovare partner e approfondire la possibilità di produrre a livello locale il principio attivo”.

Ricordiamo che per i pazienti c’è a disposizione un nuovo strumento per segnalare la carenza di cannabis, si tratta del sito Monitorcannabis.it, messo a punto proprio da dottor Ternelli, e permette di segnalare in che comune e regione si verifica la carenza e di quali varietà. Naturalmente la risposta la problema deve però essere politica, e tra l’altro molto semplice: come ricordato dall’assessore basterebbe autorizzare nuovi soggetti a produrre cannabis; abbiamo le conoscenze e le capacità di diventare leader in Europa del settore e stiamo buttando via anni preziosi.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.