maratona atletica cannabis dopingNegli Stati Uniti ci si chiede già se è da considerarsi una condotta sportivamente ammissibile, oppure se si tratta di doping. Fatto sta che nelle corse di lunga e lunghissima durata, come le cosiddette “ultramaratone“, l’utilizzo di cannabis sta cominciando a spopolare tra gli atleti. Al punto che anche la federazione che gestisce le corse di resistenza oltreoceano (la USA Track & Field) si è posta il problema.

LA CANNABIS PER I CORRIDORI E’ UN DOPING? “Per vincere un’ultramaratona devi saper gestire il dolore, non devi vomitare e devi riuscire a mantenere la calma. La marijuana fa tutte e tre queste cose insieme”, ha affermato il corridore Jenn Shelton ad un giornalista del New York Times che ha scritto un articolo sul tema. Proprio nella capacità di rilassare i muscoli sta il motivo della popolarità che la cannabis sta ottenendo tra i corridori, secondo Avery Collins, ventiduenne vincitore di 5 ultramaratone l’anno scorso: “Se trovi il dosaggio giusto, la marijuana toglie lo stress della corsa e può essere un ottimo rimedio per il post-allenamento”. I due atleti però sottolineano di utilizzarla solo in allenamento e non in corsa, per ragioni etiche più che regolamentari, visto che in questo genere di corse, ancora legate al dilettantismo, i controllo anti-doping sono pressoché inesistenti. Il dibattito tuttavia è aperto, la marijuana deve essere considerata una sostanza dopante?

LA POSIZIONE DELLA FEDERAZIONE AMERICANA.
L’Agenzia mondiale dell’antidoping (WADA) nel 2013 ha alzato il livello di THC tollerato nelle analisi degli atleti ad un margine che dovrebbe rendere positivi solo coloro che la usano il giorno stesso di una gara. Una decisione che è servita per permettere agli atleti di utilizzarla durante gli allenamenti o per rilassarsi dopo una gara. La cannabis continua quindi ad essere considerata una sostanza dopante, ma solo se utilizzata per godere dei sui effetti durante la gara. Una decisione che alla luce delle dichiarazioni degli atleti appare corretta nel caso di competizioni che richiedono capacità estreme di resistenza fisica e muscolare. Anche la “USA Track & Field” (federazione che cura maratone e ultramaratone), segue le linee guida della WADA e considera la cannabis una sostanza dopante.

UN DIVIETO STORICAMENTE DETTATO DA RAGIONI POLITICHE. Diversa la posizione espressa sempre al New York Times, dall’esperto di antidoping Don Catlin. “La cannabis – sostiene – è stata storicamente proibita più per motivi politici ed etici che per dei possibili vantaggi procurati agli atleti”. Sostiene che gli atleti che fanno uso di marijuana durante le gare siano quelli che ne fanno uso comunemente, quindi non per avere vantaggi specifici, ma per abitudine. “Se invece la marijuana viene presa per ridurre il dolore, non sarebbe che uno tra i tanti metodi utilizzati a questo scopo dai corridori. Non è raro che gli atleti facciano grande uso di antinfiammatori o analgesici durante le ultramaratone di oltre 100 chilometri, e molte di queste sostanze sono legali”.





One Comment

  1. io sono stato sempre convinto che il popolo in italia non sono solo i soliti baccalà da viaggio o l' ubriacone di birra sui ponteggi, poi alla fine si sa cosa fa male e cosa non ne fa e vietare una cosa solo con scra trascendenza si afflige ora è quasi una moda e anche questo stonarsi stoner che ha he vedere con la marijuana forse l' l' hascisch,ma non è nulla paragonata ai veleni delle farmacie diffamare una cosa non ne cambia il fine l' utilità ansi è lavoro e anche lavoro direi pulito pulisce l' aria pulisce i terreni ha fibre fortissime sempre molto aprezzate da 100 anni è diventata una sostanza simile a l' uranio impoverito mentre respiriamo eternit.

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.