brain-300x300Un nuovo studio scientifico dell’Università di Harvard getta una nuova luce sul rapporto tra consumo di cannabis e psicosi. Secondo i ricercatori della Harvard Medical School, «non c’è ancora una prova scientifica definitiva del fatto che l’uso di cannabis possa causare psicosi». Il loro ultimo studio, pubblicato sulla rivista Schizophrenia Research, indaga sul ruolo dei fattori genetici nella schizofrenia, arrivando alla conclusione che il consumo di marijuana in sé non aumenta il rischio di sviluppare la malattia.

«In sintesi – scrivono gli autori – possiamo concludere che la cannabis non causa psicosi da sé. In individui geneticamente vulnerabili la cannabis può modificare l’insorgenza della malattia, la gravità e l’esito, ma nel nostro studio non abbiamo trovato prove del fatto che possa causare la psicosi». Il team, guidato da Lynn DeLisi, professoressa di Psichiatria alla Harvard Medical School, ha confrontato le storie familiari di 108 pazienti con schizofrenia e 171 persone senza schizofrenia per determinare se l’uso di cannabis è stato un fattore nello sviluppo del disturbo. Hanno scoperto che episodi pregressi di schizofrenia in famiglia aumentano il rischio di sviluppare la malattia, indipendentemente dall’utilizzo o meno di cannabis.

Gli autori sostengono la necessità di ulteriori studi per verificare se la marijuana possa interagire con i fattori genetici ed influenzare l’età in cui si sviluppa la schizofrenia. Tuttavia, gli ultimi risultati forniscono prove sufficienti per la dottoressa DeLisi e il suo team nel sostenere che «è improbabile che sia la causa della malattia». E’ inoltre da notare che: «Sono gli effetti del THC che vanno tenuti sotto controllo, visto che il CBD è il componente che si ritiene abbia valore medicinale, anche nella schizofrenia». Lo studio ha ricevuto un finanziamento dal National Institute of Drug Abuse (NIDA).





One Comment

  1. Alex Scramuzza says:

    …questo per un tizio che frequentavo tantissimi anni fa, convinto del fatto che il thc gli distruggeva i neuroni e quindi dedito all'assunzione di alcool…che a detta siua non gli procurava danni al cervello!

Leave a Reply

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.