Bufale e disinformazione

La cannabis che provoca 500mila morti e altre assurdità: le bugie della Stampa sulla cannabis

La Stampa - cannabisDovrebbe bastare l’immagine del catenaccio dell’articolo per chiarire fin da subito di quale livello di disinformazione vi stiamo parlando. Il giornale da cui è tratto è La Stampa, storico quotidiano della borghesia torinese, che ogni giorno vende qualcosa come 150mila copie nelle edicole, senza contare l’edizione online. E l’articolo in questione, intitolato “Un errore legalizzare la cannabis. Provoca danni sociali per miliardi”, è stato pubblicato nell’edizione di ieri, 25 luglio.

Diverse decine di migliaia di lettori si sono sorbite le amenità di Antonio Maria Costa, economista ed in passato direttore dell’Unodc (l’ufficio Onu sulle Droghe), che durante il suo mandato (2002/10) si era distinto per la ferma condanna verso ogni tipo di ammorbidimento delle politiche repressive sulla cannabis, giungendo ad un vero scontro diplomatico con il governo inglese nel 2006, quando a Londra decisero di eliminare la cannabis dalla tabella delle droghe pesanti.

L’articolo di Costa è un corollario di luoghi comuni e di dati sparati in libertà: l’uso abituale tra i giovani porta psicosi nel 20-50% dei casi; ogni anno 300mila europei finiscono in ospedale per cannabis; il Thc nella cannabis oggi arriva all’80%; in Colorado i consumi tra i giovani si sono moltiplicati dopo la legalizzazione. E avanti così: rigorosamente senza mai citare uno straccio di fonte.

Nel momento in cui molte delle principali testate giornalistiche italiane stanno prendendo posizione pro o contro la legalizzazione della cannabis, il quotidiano torinese di proprietà della Fiat, recentemente passato alla direzione di Maurizio Molinari, sembra aver scelto da che parte stare.

Per chi se la sente: a questo link si può leggere l’articolo in questione.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button