La California ha inaugurato il 2019 con una serie di provvedimenti a favore degli animali, vietandone il commercio nei negozi, tanto per cominciare.

Nello specifico il governo ha varato una legge che permette esclusivamente la compravendita di cani e gatti provenienti da canili, gattili e organizzazioni no profit. Così i negozi che vorranno vendere o mettere a disposizione per l’adozione un cane, un gatto o un coniglio dovranno proporre solo animali provenienti da centri di recupero. Chi ancora vorrà acquistare esemplari con un pedigree specifico, potrà rivolgersi soltanto ad allevatori privati.

Il provvedimento, che potrebbe mettere in crisi i negozi stessi, mira a far diminuire il numero di animali abbandonati, un sollievo per coloro che hanno a cuore i diritti degli animali. Non manca però il risvolto economico: i californiani hanno speso 250 milioni di dollari in sterilizzazioni e soppressioni di randagi, soldi sborsati dai cittadini con le tasse statali, soldi che in questa maniera verrebbero risparmiati e utilizzati in altra maniera.

Fa notizia anche la decisione secondo la quale i giudici, nelle procedure di divorzio, sono tenuti a prendere in considerazione i migliori interessi degli animali domestici e creare accordi di custodia per loro.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.