Buone notizie

La California condanna il foie gras e vieta le vendite

Per alcuni sarà anche una pietanza prelibata, ma crediamo che nessuno possa definire il foie gras un alimento rispettoso della vita.

In California nel 2004 era stato legiferato in favore del divieto di vendere e servire il fegato d’oca sul tutto il territorio statale dopo aver definito come crudele e disumana l’alimentazione forzata degli animali. Il metodo definito gavage consiste nell’immissione di un tubo di metallo o plastica lungo dai 25 ai 30 centimetri fin nell’esofago degli uccelli, riversando grosse quantità di cibo per garantire l’ingrossamento smisurato del fegato, fino a 10 volte la dimensione normale. La maggior parte degli animali muore per le patologie epatiche riportate da questa pratica. Erano stati dati 7 anni di tempo alle aziende per reinventarsi dopodiché il divieto è stato applicato. Fino al 2015, quando un giudice sancì che la legge statale era in conflitto con quella federale revocandone l’attuazione.

Il 15 Settembre la buona notizia: la Nona Corte d’appello statunitense rimuove il verdetto del 2015, confermando la legittimità del veto californiano tra gli applausi degli animalisti e le proteste degli chef. I tre giudici hanno sottolineato che è possibile attuare una forma di tutela nel rispetto degli animali, come nel caso dell’Italia, i Paesi Bassi, la Repubblica ceca, l’India, il Lussemburgo, la Danimarca, la Finlandia, la Norvegia, la Polonia, Israele, la Svezia, la Svizzera, la Germania e il Regno Unito.

Rimane il fatto che non è eticamente e umanamente ammissibile torturare degli animali per potersi cibare (tralasciando la questione della qualità) di parti del loro corpo straziato.

Potrà non essere una questione impellente, anche se in ambito alimentare, soprattutto in America (e staremo a vedere da noi con l’approvazione del CETA) di interventi da attuare ce ne sarebbero, tra allevamenti intensivi, ormoni e antibiotici ma iniziare a sensibilizzare e legiferare in merito è senz’altro un primo grande passo.

Vi riportiamo qui una petizione per fermare la vendita del fois gras nelle principali catene di supermercati italiani.

Di seguito (se ne avrete il fegato) proponiamo un video investigativo sugli allevamenti di foie gras condotto da Animal Equality.
Speriamo che le immagini riprodotte vi arrivino fino scuoter la coscienza che tutti dovremmo avere.

 

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "Google Youtube" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.