La Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili continua la campagna di informazione “Know Your Rights”, focalizzando l’attenzione sui diritti di migranti e rifugiati. Dopo la pubblicazione del vademecum che illustra i diritti di cui si è titolari davanti alle forze di polizia, il team di 35 associazioni che lavora per difendere i diritti e le libertà di tutti si è avvalso della collaborazione dell’avvocato Gennaro Santoro per realizzare una guida alla solidarietà in mare. La necessità di questo intervento emerge chiaramente alla luce dell’attacco senza precedenti alle Ong che si occupano di salvataggi in mare e che vorrebbero essere libere di continuare le operazioni umanitarie senza dover ospitare personale militare a bordo e senza porsi il problema di conoscere lo status giuridico di una persona che rischia di annegare.

Il primo argomento trattato è la solidarietà in mare nel diritto internazionale. Salvare la vita in mare è un obbligo? Non prestare soccorso ai naufraghi è reato? Quali sono i soggetti obbligati a salvare in mare chi è in pericolo di vita? In quali acque le navi sono tenute a prestare soccorso? Oltre a fornire le risposte a queste domande, gli studiosi hanno realizzato quattro approfondimenti riguardanti le acque territoriali; la mappa delle zone SAR (Search and Rescue) del Mediterraneo; l’IMO (International Maritime Organization, l’agenzia delle Nazioni Unite incaricata di sviluppare i principi e le tecniche della navigazione marittima internazionale e promuovere la progettazione e lo sviluppo del trasporto marittimo internazionale); il favoreggiamento dell’immigrazione, la clausola umanitaria e il principio di non refoulement.

La guida aiuta a chiarire molti dubbi e si può scaricare liberamente dal sito www.cild.eu.

 





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.