Contro-informazioneIn evidenza

Estradizione in USA per Julian Assange: ad attendenderlo 175 anni di carcere

Il Comitato di difesa di Assange non si arrende all'estradizione decisa dal governo britannico e annuncia battaglia

Il governo britannico ha deciso di autorizzare l'estradizione di Julian Assange in USA.
Manifestanti contro l’estradizione del giornalista e attivista Julian Assange

Il governo britannico ha deciso per l’estradizione di Julian Assange negli Stati Uniti. La Corte Suprema inglese ha respinto un nuovo ricorso e il Ministro dell’Interno Patel ha sentenziato: dopo due anni di detenzione nel Regno Unito Assange verrà trasferito in USA, dove è accusato di cospirazione e spionaggio. In particolare, il governo degli Stati Uniti considera “criminale” il giornalismo investigativo di Assange, che nel 2006 ha fondato la piattaforma WikiLeaks con l’intento di rendere di pubblico dominio documenti secretati.

Nel corso degli anni Assange ha portato alla luce crimini di guerra, comportamenti non etici di governi e aziende, documenti sullo spionaggio e numerose verità scomode che lo hanno portato a essere zittito in tutti i modi.

La decisione di Patel è stata accolta con grande scetticismo in quanto il Regno Unito ha deciso di estradare un cittadino straniero (Assange è australiano) sulla base di accuse politiche, assolutamente irrilevanti di fronte alla realtà dei fatti. È quanto sostengono i co-presidenti del Comitato di difesa: Noam Chomsky, Daniel Ellsberg e Alice Walker, che hanno rilasciato una dichiarazione ufficiale sull’estradizione.

«È un giorno triste per la democrazia occidentale. La decisione del Regno Unito di estradare Julian Assange nella nazione che ha complottato per assassinarlo, la nazione che vuole imprigionarlo per 175 anni per aver pubblicato informazioni veritiere nell’interesse pubblico, è un abominio», dicono.

«Ci aspettiamo che gli autocrati più disprezzati del mondo perseguitino giornalisti, editori e informatori. Ci aspettiamo che i regimi totalitari manipolino il loro popolo e reprimano brutalmente coloro che sfidano il governo. Ma non dovremmo aspettarci che le democrazie occidentali si comportino meglio? Il governo degli Stati Uniti sostiene che la sua venerata Costituzione non protegge il tipo di giornalismo non gradito al governo e che la pubblicazione di informazioni veritiere nell’interesse pubblico è un atto sovversivo e criminale. Questo argomento è una minaccia non solo per il giornalismo, ma anche per la democrazia stessa», concludono Chomsky, Ellsberg e Walker.

«La storia non finisce così», ha dichiarato Stella Moris, partner di Assange. «Ci batteremo, useremo ogni via legale, passerò ogni ora sveglia combattendo finché Julian non sarà libero, finché giustizia non sarà fatta». Moris ha rivelato che la battaglia legale contro l’estradizione continuerà portando le prove dei tentativi della CIA di assassinarlo.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button