Negli ultimi tempi, un numero sempre crescente di personaggi famosi si sta avventurando in quella che si può definire la “febbre dell’oro verde”. Molte figure di primo piano provenienti dal mondo dello spettacolo, della musica e dello sport hanno deciso di investire risorse, tempo ed energie nella crescente industria della cannabis. Seth Rogen, Whoopi Goldberg, Mike Tyson, Snoop Dogg, la famiglia Marley, il nostrano J-Ax o Alborosie sono solo alcuni dei nomi di questa lista alla quale c’è da aggiungere il nome di un altro attore: Jim Belushi.

Il fratello del compianto John, ha deciso di sporcarsi letteralmente le mani e di dedicarsi alla coltivazione della marijuana nella sua farm in Oregon. Bisogna pero dire che, rispetto ad altri suoi colleghi artisti, l’attore non si è limitato a lanciare un suo marchio personale, ma si è messo a lavorare la terra insieme alla sua squadra per essere a stretto contatto con le sue adorate piante.
La filosofia che sta dietro alla Belushi’s Farm non è solo di tipo commerciale. Infatti, tra le tante cose che lo stesso Jim racconta attraverso il sito web aziendale, si parla dell’utilizzo della cannabis in medicina per il trattamento di alcune patologie gravi come il disturbo da stress post traumatico (PTSD), portando l’esempio di come molti reduci americani di ritorno dalla II° guerra mondiale – e successivamente dal Vietnam – abbiano ripiegato sull’alcolismo per dimenticare gli orrori della guerra. Continua affermando che se negli anni ’70 si fossero conosciuti di più i benefici di questa pianta, e se non fosse stata così bistrattata, la storia sarebbe andata diversamente… Jim Belushi fa riferimento senza troppi giri di parole anche a suo fratello John il quale, come ha affermato il suo grande amico, il mitico Dan Aykryod, se fosse stato un accanito fumatore di erba oggi sarebbe vivo ancora.

Fa piacere sapere che questo grande attore, dopo aver vissuto in una famiglia a sua detta “disastrata”, e dopo la tragica scomparsa di suo fratello John a soli 33 anni per overdose, abbia trovato nella cannabis una nuova magnifica famiglia.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.