Img 2

Il salto del canguro potrebbe essere l’esempio migliore per poter illustrare il cammino delle battaglie per i diritti civili nel nostro Paese. In Italia esiste una inquietante continuità che dal Medioevo ci porta ai giorni nostri e riguarda proprio l’ostinata chiusura, di una parte non trascurabile della società, nei confronti di situazioni che prevedono una discrepanza con la morale, l’etica e il modello culturale imperanti, messo in discussione solitamente da una minoranza.

Ma la maggioranza della popolazione, attraverso il voto, continua a delegare agli inquisitori di turno la facoltà di decidere cosa è buono e cosa non lo è per l’intera collettività e dai tempi in cui il clero e la nobiltà decidevano della sorte e del comportamento del popolo in virtù di una discutibile eccellenza intellettuale, nulla è cambiato e ancora a secoli e secoli di distanza, sembra che per noi italiani affermare e pretendere ciò che ci spetta di diritto, sia sempre una battaglia ardua se non addirittura impossibile.

Oggi il canguro è atterrato sulla spinosa questione delle unioni civili, l’altro ieri era atterrato sul problema della legalizzazione e forse dopodomani salterà sul tema del testamento biologico e dell’eutanasia, per poi continuare a saltare in chissà quali altri territori senza mai trovare soluzioni immediate e soddisfacenti e tornare in tempi più o meno brevi sulle tracce di decine di salti precedenti a seconda della pressione mediatica esercitata al momento.

Auguriamo a tutte le persone che vivono, con disagio e sofferenza, le limitazioni e le persecuzioni morali e fisiche che qualsiasi tipo di proibizionismo impone, di poter trovare soddisfazione dalla loro coerenza e per il coraggio dimostrato; ma sinceramente pensiamo che fino a che, anche in Italia, non cambierà la tendenza d’opinione generale, non potremo mai avere un governo illuminato e sensibile verso la tranquillità sociale, una tranquillità che si ottiene certamente generando occupazione, creando efficienti sovrastrutture e amministrando oculatamente le risorse economiche, ma soprattutto si ottiene abolendo qualsiasi forma di discriminazione, cosa che “miracolosamente” è avvenuta in Spagna negli anni del governo Zapatero, dove quasi tutti i temi riguardanti i diritti civili sono stati affrontati e risolti, dai matrimoni tra persone dello stesso sesso, al diritto di scegliere come essere curati e come morire, all’uso della canapa per motivi terapeutici o ricreazionali.

Ma il movimento d’opinione va creato, partecipato e sostenuto soprattutto da chi paga in prima persona la discriminazione nei confronti del proprio stile di vita e delle proprie scelte, ed ora che, volente o nolente, il Parlamento dovrà pronunciarsi anche sulla regolamentazione della coltivazione domestica di cannabis, questo movimento deve farsi sentire, deve organizzarsi per continuare a far pressione, per muovere l’ago della bilancia a nostro favore ed anche per resistere nel caso che gli inquisitori vengano ancora delegati per decidere chi inserire nella parte dei buoni e chi no!

Per combattere una battaglia bisogna metterci la faccia e questa battaglia va combattuta senza timore, per la nostra libertà e per la nostra dignità e l’unica cosa che possiamo fare è aderire e partecipare con le associazioni che da anni lottano contro l’oppressione e l’oscurantismo.

a cura di Giancarlo Cecconi – ASCIA





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.