Cronache da dietro il cancello

Isolamento: l’evergreen delle carceri italiane

Isolamento: l’evergreen delle carceri italiane

Dopo il suo malgrado noto Fabrizio, nel momento in cui scriviamo, gli ultimi giorni di febbraio 2020, siamo in attesa che il più famigerato dei Corona varchi le porte delle patrie galere. L’attuale Corona(virus) sembra tirare più del precedente, poiché monopolizza tv, radio e giornali e web da quando, in 48 ore ha permesso l’assedio del Paese con zone rosse, assalti ai supermercati, esercito e droni a controllare la popolazione in quarantena.

È palese che l’emergenza sarà economica e sociale più che sanitaria, tuttavia questo è uno di quei rari casi in cui la situazione è più gestibile all’interno degli Istituti Penitenziari che fuori. Nessuno in carcere può far sentire la propria voce di protesta se viene “isolato”, nemmeno quando l’isolamento viene comminato per motivi differenti da quelli legati a emergenze sanitarie. Esistono “sezioni” apposite per isolare i detenuti, che una volta relegati in quei reparti non hanno più contatti con il resto della popolazione carceraria, fatto salvo per gli operatori, che possono però mettere in atto di volta in volta, il più opportuno dei protocolli. La comunità scientifica è concorde nel sostenere che i danni sulla salute fisica e mentale dell’isolamento sono più che rilevanti. Nel 2018, secondo l’Associazione Antigone, i provvedimenti di isolamento disciplinare nelle carceri italiane sono stati 2367: il 27,5% del totale delle sanzioni comminate dai consigli di disciplina. Sulla durata dei provvedimenti non ci sono dati. Tuttavia sappiamo per esperienza che spesso si arriva al limite massimo previsto dalla legge, 15 giorni.

Più volte, in questo spazio, ho avuto modo di parlare delle condizioni sanitarie all’interno delle carceri. In un Paese in cui i tagli alla sanità pubblica costituiscono la norma, provate a immaginare quanto può venir messo a bilancio per le prigioni…

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button