Globalizzazione

Strano progresso quello intervenuto durante gli ultimi decenni, vissuti nell’illusione di essere diventati “cittadini del mondo”, mentre in realtà abbandonavamo ogni connotazione umana, per trasformarci prima in risorse e capitale e poi in esuberi, da smaltire in qualche maniera, possibilmente senza fare troppo rumore. Strano progresso quello arrivato melodioso attraverso le voci melliflue dei cantastorie, impegnati ad incensare le virtù taumaturgiche del libero commercio e della grande finanza, mentre “l’uomo comune” iniziava a morire, deprivato della propria identità e di ogni prospettiva di futuro.

Un progresso declinato nel verbo delle multinazionali e del gigantismo, dove piccolo è brutto per antonomasia, dove l’appartenenza e il senso di comunità sono piaghe da estirpare nel nome del mondialismo, dove le nazioni costituiscono il retaggio di un passato da dimenticare, ormai immolate sull’altare dei mercati, della finanza globale e di una piccola élite parassitaria che gestisce la vita di tutti noi, sempre che questo esercizio quotidiano di sopravvivenza possa definirsi vita. Ci hanno raccontato che sarebbe stato necessario rottamare istituzioni anacronistiche come lo stato e la famiglia, per entrare in un futuro radioso costituito da istituzioni transnazionali in grado di renderci liberi e felici. Che avremmo dovuto aprire le nostre frontiere alle importazioni, che quella della globalizzazione si sarebbe rivelata l’unica strada praticabile e oltretutto la migliore scelta possibile.

E tutti noi abbiamo accettato, obnubilati dal canto delle sirene mediatiche, spaventati dall’accusa di antimodernismo, plagiati da facili promesse che mai si sarebbero tradotte in realtà.

Abbiamo accettato un futuro privo di qualsiasi coordinata, dove l’iper-globalizzazione ci ha rubato ogni scampolo di umanità, dove perfino garantirsi il reddito necessario alla sopravvivenza sembra essere diventato un miraggio, dove una piccola casta transnazionale governa e gestisce tutto. Dall’economia alla politica, dall’informazione al mercato del lavoro, dalla cultura dominante alla gestione delle risorse. Le nazioni non sono ormai altro che gusci vuoti che si allungano su confini virtuali, all’interno dei quali arringa la folla un variopinto bestiario politico, interamente a libro paga del medesimo padrone. Il tenore di vita e le prospettive della popolazione continuano una caduta libera che sembra non avere fine, mentre ogni cosa si livella al ribasso, su scala sempre più globale.

Ci hanno raccontato per decenni che la globalizzazione sempre più spinta era parte integrante del progresso, non avremmo potuto stare meglio senza sradicare le nostre radici e avremmo dovuto farlo presto, perché nella modernità tutto corre veloce. Oggi siamo solamente una massa di “risorse” atomizzate, che corrono a perdifiato senza sapere dove andare, dal momento che nel mondo globalizzato non c’è più nessun posto in cui sentirsi a casa e nessuna famiglia con cui condividere qualcosa, ma solo un vuoto tanto assoluto quanto globale.





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.