Mi scuserete se indugio sul passato, ma credo sia importante lasciare un segno tangibile dell’ultima assurdità che ha caratterizzato l’anno appena trascorso. La Provincia di Trento ha approvato una norma che prevede l’esclusione dal bando per l’assegnazione di una casa popolare di una persona, o di un nucleo famigliare al cui interno ci sia una persona che, nei dieci anni precedenti la data di presentazione della domanda, abbia subito condanne definitive per i delitti non colposi con pena edittale di almeno 5 anni, oltre che per reati come il furto aggravato, la rapina e tutti i reati che riguardano sostanze stupefacenti. La legge provinciale 36/2019 a prima firma del governatore leghista Maurizio Fugatti, oltre a farmi salire l’indignazione, mi ha confermato che molti dei pubblici amministratori vengono scelti per il loro quoziente intellettivo, per forza di cose sotto il minimo sindacale, altrimenti certe alzate d’ingegno non le avrebbero.

Oltre ad essere crudele e inumana, la norma è incostituzionale, poiché nel nostro Paese, la responsabilità penale è personale. Ignoro se, in ragione dello statuto speciale di cui gode, la Regione Trentino abbia norme che permettono abomini del genere.

Un’altra considerazione che mi sorge spontanea riguarda un ragionamento elementare. Non credo che autentici “boss” della malavita, che possiedono ricchezze che li esimono dal richiedere una casa popolare, si adatterebbero a vivere in alloggi destinati ai meno abbienti, che sono poi la maggioranza di coloro che popolano le patrie galere; i veri criminali della finanza sono tutelati dalla legge.

Facciamo anche un esempio pratico: se un “delinquente” si dovesse redimere e innamorarsi di una persona che non ha mai avuto problemi con la legge, con cui magari formare una famiglia e otto o nove anni dopo dovessero avere un figlio, gli verrebbe negato il diritto di avere una casa a un canone che si possa permettere con gli stipendi da fame cui può aspirare, grazie a tutta una serie di norme che hanno ridotto a carta igienica i diritti per cui sono stati fatti anni di lotte?
Mi domando e chiedo quale sia lo scopo di una norma tanto incivile e la risposta viene da : si vuole mantenere in schiavitù chi non appartiene all’ipotetica élite che tutto può.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.