High times

Instagram censura la cannabis

Continua la guerra dei social network nei confronti della cannabis: ecco l'ennesimo caso

Instragram, i social network e la censura della cannabis
I casi sono due: o su Instagram nessuno posta e ha mai postato foto mettendo come hashtag cannabis, marijuana, weed e similari, oppure il social network sta censurando questo tipo di post. E siccome siamo sicuri che di post indicizzati in quel modo ce ne sono milioni, resta solo un’ipotesi, quella dell’ennesima censura ai danni della piante delle meraviglie.

Qui sotto vi riportiamo i casi eclatanti, ma la censura è quotidiana e colpisce i normali cittadini così come le aziende di settore. Per far capire la policy dei social network nei confronti della cannabis, basti sapere che ancora oggi, su Facebook, Instagram e anche su Google, è impossibile sponsorizzare prodotti contenenti cannabis o legati alla pianta, anche quelli legali come ad esempio libri o prodotti tessili e alimentari.

I PRECEDENTI: INSTAGRAM E LA CENSURA ALLE FOTO CON LA CANNABIS

Nel 2015 su Instagram molte persone e aziende si videro improvvisamente cancellare i propri account. Cosa avevano fatto di male? Avevano postato foto ritraenti cannabis, fumatori o accessori per fumare. Indipendentemente da dove risiedessero, infatti è successo anche in paesi americani in cui la cannabis è completamente legale.

L’ACCANIMENTO DI FACEBOOK

Nel 2017 sulla pagina Facebook di Dolce Vita pubblicammo una foto con due piantine di cannabis, come fatto centinaia di volte in precedenza. Il post viene eliminato arbitrariamente e l’account utilizzato viene sospeso per 30 giorni. Ci viene infine richiesto di rimuovere dalla nostra pagina tutti i contenuti simili, minacciando di chiudere del tutto la nostra pagina se ciò non avverrà. Naturalmente non l’abbiamo fatto.

Poco tempo dopo il social network alza il tiro e inizia a censurare le pagine di alcune delle principali aziende di cannabis light in Italia che vengono oscurate per poi essere in alcuni casi riattivate successivamente.

All’inizio del 2021 è la pagina di Canapashop a finire nelle maglie della censura perché aveva proposto sul market place i propri prodotti, tutti legali in Italia.

LE CENSURE DI YOUTUBE

Nel 2018 YouTube ha lanciato una vera e propria guerra ai canali dedicati alla cannabis chiudendo in tutto il mondo quelli di seedbank, realtà antipro, e canali con tutorial. Nello stesso anno, dopo la cancellazione di un video, hanno chiuso il canale di Dolce Vita che è stato riattivato successivamente senza alcuna spiegazione.

L’anno scorso siamo stati “ammoniti” da Youtube per aver condiviso un link sulla cannabis light nella descrizione di un video. Farebbe già ridere così se non fosse che ci avevano anche bloccato il canale.

Ad aprile del 2022 invece YouTube ha ben pensato di rimuovere un altro video su cannabis e Covid per “disinformazione in ambito medico”. Peccato che era un video su uno studio scientifico pubblicato da una rivista peer-reviewed. Abbiamo fatto ricorso e abbiamo vinto.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button