Ambiente e naturaLifestyle

La maggior parte dei fiumi del mondo è inquinata (anche) dai farmaci

Dal Rio delle Amazzoni al Tamigi, dal Mississippi al Mekong: i fiumi di tutti i continenti sono ormai inquinati da farmaci, con potenziali rischi per l'ambiente e la salute umana

farmaci nelle acque dei fiumi

La maggior parte dei fiumi del mondo contiene residui farmaceutici. A rivelarlo è uno studio condotto dall’Università di York, nel Regno Unito, e pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), giornale ufficiale dell’Accademia Nazionale delle Scienze Statunitense. Secondo quanto rilevato dallo studio, i principali corsi d’acqua del pianeta – tra cui rientrano il Tamigi, il Mississippi e il Rio delle Amazzoni – conterrebbero tracce di molecole come la carbamazepina, utilizzata per trattare bipolarismo, epilessia e schizofrenia, o di sostanze come metformina, farmaco di prima linea per il trattamento del diabete di tipo 2, e caffeina, creando potenziali rischi non solo per la salute umana ma anche per l’ambiente.

Lo studio ha visto la collaborazione di 127 studiosi da 86 istituzioni scientifiche nell’ambito del progetto Global Monitoring of Pharmaceuticals Project della University of York. I dati raccolti dagli esperti riguardano 258 fiumi – 36 dei quali mai esaminati prima d’ora per la presenza di residui farmaceutici – in 104 stati e 7 continenti, compreso un corso d’acqua dolce a King George Island, in Antartide. Secondo i dati raccolti dagli esperti, i corsi d’acqua con i maggiori tassi di contaminazione da residui farmaceutici si troverebbero nei Paesi a basso-medio reddito e con una popolazione più anziana, con particolare riferimento alle nazioni con sistemi di gestione dei rifiuti e delle acque reflue poco efficienti. Nello specifico, i valori più preoccupanti sono quelli raccolti in Sud America, Asia meridionale e Africa Sub-Sahariana, mentre il Rio Seke, in Bolivia, risulta essere il sito più inquinato tra quelli esaminati.

Ma come fanno i farmaci a raggiungere le acque fluviali?

Il corpo umano metabolizza i farmaci solo in parte, perciò tutto ciò che non viene assimilato dall’organismo viene espulso ed entra necessariamente nel sistema fognario. Sebbene le moderne strutture di gestione delle acque reflue siano delle barriere generalmente efficaci per evitare danni ambientali derivanti dalla presenza di scarti farmaceutici nelle acque, non sono comunque in grado di smaltirli al 100%. Questo fa sì che una percentuale, seppur minima, di questi finisca sempre in laghi e fiumi, soprattutto in Paesi con sistemi non moderni e poco efficaci.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button