Terapeutica

In Veneto via libera alla cannabis a scopo terapeutico

cannabis terapeutica La legge regionale n. 38 del 2012, che autorizzava l’uso della cannabis terapeutica, aveva suscitato molte polemiche e, da Roma, l’allora Governo Monti, spinto dalle dichiarazioni di Giovanni Serpelloni, capo del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio (DPA), aveva presentato ricorso perché la nuova legge non diventasse operativa.

Serpelloni aveva definito la norma addirittura “pericolosa” e il ricorso era stato basato sulla presunta “incostituzionalità” della legge, in quanto i luoghi di produzione dei farmaci (il Centro per la Ricerca per le Colture Industriali di Rovigo e lo Stabilimento Chimico Farmaceutico militare di Firenze) erano privi delle necessarie autorizzazioni ministeriali e di quelle dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). La Corte Costituzionale ha però respinto il ricorso e il Veneto diventa così la quarta regione, dopo la Toscana, le Marche e la Liguria, in cui i malati possono ricorrere a cure a base di cannabinoidi.

Il vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto Matteo Toscani, ha espresso soddisfazione per la sentenza della Corte Costituzionale: “Sono contento – ha affermato il consigliere della Lega Nord – per la pronuncia della Corte Costituzionale, che, certificando il corretto operato del Consiglio Regionale, conferma la validità della legge che ho personal- mente sottoscritto e sostenuto e che consente la distribuzione negli ospedali e nelle farmacie di farmaci e preparati galenici a base di cannabinoidi. Vista l’arretratezza culturale con cui operano spesso gli organi dello Stato – ha concluso Toscani – non c’era alcuna certezza sull’esito del ricorso presen- tato dal governo Monti, che fortunatamente è stato respinto. Spiace per i molti mesi persi a causa dell’esecutivo dei professori che, in questa come in altre occasioni, si è dimostrato “allergico” alle autonomie locali”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.