spice cannabis sinteticaAlmeno 25 morti e oltre 700 intossicati, molti in modo grave: la cosiddetta “spice” (nome anche di una specifica marca di cannabis sintetica, ma utilizzato per definire in generale le varie sostanze che simulano l’effetto del THC), finta droga “leggera” di tipo sintetico, che viene fumata soprattutto dai giovani, continua a mietere vittime in Russia. Evientemente a causa di una partita prodotta male e mescolata a sostanze nocive.
La “spice” è una erba di sintesi che viene prodotta con estratti di piante (tra queste: Canavalia maritima, Nymphaea caerulea, Scutellaria nana, Pedicularis densiflora, Leonotis leonurus, Zornia latifolia, Nelumbo nucifera e Leonurus sibiricus) alle quali sono spesso mescolati prodotti chimici di sintesi, con l’obiettivo di simulare gli effetti del THC sui recettori del cervello, ma senza la presenza di cannabis.

UNA DROGA CHE ESISTE SOLO PERCHE’ LA CANNABIS E’ ILLEGALE. Si tratta insomma di una sostanza di sintesi la cui unica ragion d’essere risiede nel fatto di essere legale, venduta su internet ed in alcuni paesi anche presso i negozi. Mentre per coltivazione e spaccio di cannabis si rischia il carcere, nessuna pena è prevista per consumo e vendita della variante sintetica, prodotta miscelando sostanze legali di origine naturale o chimica. Secondo una ricerca del National Institute of Drugs Abuse (Nih), Ente del governo americano, la cannabis sintetica è ormai la seconda sostanza più consumata dai giovani americani, ma ancora poco o niente si sa dei suoi reali effetti sulla salute a breve o lungo termine: “Poiché la composizione chimica di molti prodotti venduti come Spice è sconosciuta – afferma la ricerca – è probabile che alcune varietà contengano anche sostanze che potrebbero causare effetti radicalmente diversi rispetto a quelli che si aspetta il consumatore”.

NIENTE SI SA DEI SUOI EFFETTI SU CERVELLO E CORPO. La ricerca specifica anche che già diverse cliniche ed ospedali hanno segnalato di aver soccorso pazienti che hanno accusato “tachicardia, vomito, agitazione, confusione e allucinazioni, fino ad aumento della pressione sanguigna in misura tale da causare seri problemi cardio-circolatori”. In Usa come in Russia si sta affrontando la questione con la solita ricetta del proibizionismo: mettendo cioè nella tabella delle sostanze illegali gli “ingredienti” che mano a mano si scoprono essere parte della Spice, con la conseguenza che anziché ridurne vendita e consumo se ne moltiplicano solamente i rischi, visto che i produttori sostituiscono nella miscela le sostanze rese illegali con altre ancora legali, ma dagli ancora più sconosciuti effetti sul cervello e sul corpo umano.





10 Comments

  1. Giacomo Ruocco e russ so sul sold e cattiverie …ann murìììì

  2. Jean Claude Sca says:

    Sei tu che deve capire ciò che legge .il link a wiki dice le stessa cose.

  3. Ad Angelino Alfano piace quest'elemento

  4. Jean Claude Sca says:

    Ok, erudito. Adesso devi illustrarmi, data la tua competenza in materia, cos`è esattamente la spyce. Grazie.

  5. Frank Van Helli says:

    Alessio D'Ottavio se ti incodrogntro ti riempio di Spice !!! ahahahahahhahaha ato di merda !

  6. Simo Pósh says:

    "they in fact contain synthetic cannabinoids that act on the body in a similar way to cannabinoids naturally found in cannabis, such as THC.", dalla pagina wiki, SIMILAR non mi sembra voglia dire SAME ovvero simile è diverso da uguale. AH, ma tu l'inglese lo sai testa fina! 🙂

  7. Frank Van Helli says:

    Simo Pósh Ma tu testa grande, l'ha mai vista una bustina di Spice ??
    Io si, e l'ho anche fumata… per disperazione, e sballa anche di brutto !!
    Forse anche troppo, ce ne devi mettere poca in una canna,
    L'articolo parla a vanvera, se hai avuto una bustina di Spice in mano te ne rendi conto da solo..
    sul retro della bustina della Spice c'è scritto deodorante per ambienti…e sono listate una serie di erbe aromatiche che ovviamente non producono nessun effetto.. (non come dice l'articolo)
    L'effetto lo produce il THC che c'è davvero nella Spice, l'effetto è quello garantito, con gli stessi riscontri organoelettrici, occhi rossi, bocca secca, e sballo..
    La sfiga è che questo THC è prodotto di sintesi da laboratorio, quello che tu scrivi è corretto, SIMILAR, SAME, perchè come si puo' vedere dalla formula del THC, quella della Spice è stata modificata leggermente in modo da non risultare positivo nei test anti droga (in pratica dall'esame delle urine se ti cercano il thc, e hai fumato spice, non risulta)
    Quando per disperazione ho fumato la Spice, e visti gli effetti simili a sostanze piu' note, mi son subito venuti dei dubbi e mi sono documentato bene da consumatore cosciente.
    La Spice contiene davvero THC estratto in laboratorio da sintesi chimica… non si sa se consumato nel tempo puo' portare a danni cerebrali… questa è la questione piu' preoccupante.
    Io sono contrario alla Spice così come a tutte le droghe sintetiche…ma ripeto l'articolo è scritto a vanvera…
    Ti saluto e ti ringrazio per aver fatto l'unico commento intelligente di questo post !! 🙂

  8. Frank Van Helli says:

    Alessio D'Ottavio a vederti sembri un po' bruciato… ma ti buchi la Spice in vena .. o la sniffi direttamente nel cervello con una cannuccia ??
    Hai le sinapsi bruciate.. dì a tua madre di farti vedere da un buon psicanalista.. ne hai sicuramente bisogno !!! ahahahahaahaha
    Love & Peace… e impara l'inglese.. capisco che hai fatto solo le scuole medie .. ma la lingua potrà servirti per un futuro migliore…
    Ciaooooo

  9. Alessio D'Ottavio ha ragione frank e tu alessio sei solo un ignorante di merda che sa nemmeno l'italiano.

  10. che io sappia in russia si possono tenere delle piante in casa… lo dice wikipedia.. e altri articoli.. poi boh..

Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.