Una foto della prima riunione dell’intergruppo per la legalizzazione della scorsa legislatura (27/03/15)

Tra i parlamentari dei vari schieramenti è nato un nuovo intergruppo per la legalizzazione della cannabis.

A darne l’annuncio è stato il parlamentare di +Europa Riccardo Magi, che ha annunciato in un breve comunicato su Twitter che «Sono oltre 50 le adesioni e molte altre stanno arrivando».

Secondo quanto dichiarato da Magi l’obiettivo che l’intergruppo si è dato è quello di ottenere dal presidente della Camera Roberto Fico la calendarizzazione della discussione sulla legge di iniziativa popolare per la legalizzazione presentata nel 2016 e di rilanciare il dibattito pubblico e mediatico sul tema. Fico, tra l’altro, già nei giorni scorsi ha mostrato la sua vicinanza al tema accettando di ricevere Walter De Benedetto, malato che si batte per il diritto alle cure a base di cannabis.

Il testo di iniziativa popolare del 2016 venne portato in Parlamento con la bellezza di 60.000 firme a supporto. Nonostante questo non arrivò mai ad essere discusso e votato dall’aula. Al suo interno si prevedono norme per la regolamentazione dell’autoproduzione di cannabis, per l’apertura di Cannabis social club e per la vendita al pubblico con l’apertura di dispensari.

Un intergruppo per la legalizzazione della cannabis era già stato attivato durante la scorsa legislatura, arrivando a raccogliere oltre 300 adesioni tra parlamentari e senatori dei vari gruppi: innanzitutto M5S, Leu e Pd, ma con alcune adesioni anche da parte di singoli esponenti di Forza Italia. La sua rinascita è una notizia potenzialmente importante.

Il direttore editoriale di Dolce Vita, Matteo Gracis, già in occasione della nascita del nuovo governo, aveva chiesto e proposto a inizio settembre che questa fosse la prima iniziativa intrapresa dai parlamentari antiproibizionisti per rilanciare la battaglia. Una nota positiva che speriamo possa produrre risultati finalmente decisivi. I numeri questa volta potrebbero esserci.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.