Il Pakistan, come molti altri Paesi del mondo, è stato duramente colpito dalla crisi innescata dalla diffusione del coronavirus. Ma nel Paese asiatico si è deciso concretamente di investire nel campo della sostenibilità, piantando 10 milioni di alberi in 5 anni.

Dopo il lockdown imposto nel Paese lo scorso 23 marzo, moltissime persone, rimaste senza lavoro a causa della pandemia, sono state “ingaggiate” per contribuire all’ambizioso progetto di riforestazione del Pakistan e hanno avuto, così, la possibilità di provvedere al sostentamento della propria famiglia.

Il Pakistan è stato classificato al quinto posto in un elenco dei paesi maggiormente colpiti dal riscaldamento globale negli ultimi due decenni, gli ambientalisti da tempo sostengono che la riforestazione sia il mezzo migliore per prevenire inondazioni, per stabilizzare le precipitazioni, assorbire le emissioni di biossido di carbonio e, infine, proteggere la biodiversità.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.