tunnel tijuanaLa polizia messicana ha scoperto un tunnel lungo oltre 800 metri e costruito a 10 metri di profondità che da Tijuana passava la frontiera Usa fino a sbucare nella città oltre frontiera di San Diego. Il tunnel era un lavoro di ottima ingegneria, sicuramente costruito con una certa tranquillità nell’arco di diversi mesi.

Lo scavo infatti, non solo era ampio e di forma regolare, ma era dotato di binari per il trasporto di droga, illuminazione, impianto di refrigerazione e puntellato con travi metalliche per evitare possibili crolli. Al suo interno le forze dell’ordine hanno rinvenuto circa 10 tonnellate di marijuana.

Secondo quanto scritto dalla Bbc, gli agenti avrebbero fatto irruzione dentro al tunnel senza sparare un colpo e sorprendendo durante il lavoro 16 trafficanti (tutti arrestati) intenti al trasporto della marijuana.

Non è ancora stato comunicato quale cartello messicano fosse a capo del tunnel, ma le indiscrezioni parlano della banda di Joaquin “El Chapo” Guzman, divenuto leggendario lo scorso anno per essere evaso dal carcere di massimo sicurezza di Altiplano proprio percorrendo un tunnel (di oltre 1,5 chilometri) costruito dalla sua banda sotto al carcere.

Il servizio sull’operazione diffuso dalla Bbc

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.