Contro-informazione

In India va avanti la protesta delle comunità indigene contro l’espansione delle attività minerarie

Il 2 ottobre, data del compleanno di Mahatma Ghandi, centinaia di membri delle popolazioni indigene Adivasi dello stato del Chhattisgarh, in India, si sono riunite in diversi villaggi per discutere dei nuovi piani del governo indiano di espandere le attività minerarie all’interno della foresta Hasdeo. Conosciuta come “I polmoni del Chhattisgarh” la foresta è dimora di numerose comunità indigene, come i Kunwar, i Gond e gli Oraon, da sempre dipendenti dalla Hasdeo per il proprio sostentamento. Ispirandosi alla filosofia della non violenza professata da Ghandi, sono oltre trecentocinquanta i locali che dopo l’assemblea hanno deciso di intraprendere una marcia di trecento chilometri e di dieci giorni per raggiungere Raipur, capitale dello stato del Chhattisgarh, e protestare per i propri diritti, già in passato ignorati dal governo di Nuova Dehli e dalla Adani, una delle più importanti compagnie indiane, responsabile per le operazioni minerarie nella foresta Hasdeo.

Invece di proteggere i diritti di noi indigeni e di altri abitanti tradizionali della foresta, il governo federale e quello nazionale hanno unito le loro forze a quelle delle compagnie minerarie e hanno lavorato insieme per devastare la nostra foresta e la nostra terra” hanno affermato alcuni esponenti Adivasi in una dichiarazione pubblica de Comitato di resistenza per salvare la foresta Hasdeo, “Siamo compatti nel resistere e marciare per proteggere la nostra acqua, la foresta, la terra e i nostri mezzi di sostentamento e la nostra cultura che dipendono da essi. Chiediamo a tutti i cittadini che amano la Costituzione e la Democrazia, a tutti coloro che si impegnano a salvaguardare le acque, le foreste, la terra e l’ambiente, e a tutti i cittadini consapevoli, di unirsi a noi in questo raduno e nella marcia”.

Non è la prima volta che gli Adivasi sono costretti a protestare contro le attività minerarie nella Hasdeo Aranya. Nel 2010 il Ministero Federale dell’Ambiente indiano dichiarò la foresta una zona off limit per l’attività mineraria, un provvedimento però revocato l’anno successivo in una mossa destinata a spianare la strada alla prima miniera di carbone della Adani nella foresta nel 2013. Nel 2015 il gruppo industriale e una società energetica statale si videro poi assegnato un secondo grosso giacimento di carbone all’interno della foresta, operazione che si tradusse però in manifestazioni di protesta da parte degli Adivasi, ormai familiari con i danni ecologici risultanti dall’attività mineraria nella zona. Le richieste delle popolazioni indigene vennero apertamente ignorate e il permesso dei villaggi locali, richiesto per le attività minerarie nella zona, bypassato. Pochi mesi dopo l’Adani ottenne i permessi necessari per dare inizio alle operazioni. Oggi la storia rischia di ripetersi.

La marcia degli Adivasi si è ufficialmente conclusa il 13 ottobre e presto la battaglia si sposterà ancora una volta in sede legale, dove le corti indiane saranno chiamate a decidere sulla sorte di uno dei più importanti epicentri di biodiversità del paese. “L’estensione dell’estrazione di carbone pianificata oggi non solo distruggerà le case, le terre e i mezzi di sostentamento degli indigeni, ma si farà anche beffe delle pretese di Modi di essere in prima fila nell’affrontare la crisi climatica” ha affermato Caroline Pearce, direttrice generale della ONG Survival International, “Sostenere la resistenza degli Adivasi all’estrazione del carbone dovrebbe essere una priorità internazionale”.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.