AntiproibizionismoCannabis

In Giamaica la nuova legge più tollerante sulla cannabis

jamaicaIl governo giamaicano sta decriminalizzando il possesso di una quantità fino a 57 grammi di cannabis. Il ministro della giustizia Mark Golding ha dichiarato che con la nuova legge la detenzione di piccole quantità potrà determinare una multa ma non sarà più un reato penale. Naturalmente sarà consentito il consumo a scopi spirituali e rituali ai religiosi Rastafari, mentre lo stesso ministro della Giustizia ha precisato che le persone condannate per questo tipo di reati potranno chiedere la cancellazione dei precedenti dai casellari giudiziari. Sarà inoltre permessa ed anche incentivata la ricerca con autorizzazioni al possesso per studi scientifici.

IL PRECEDENTE TENTATIVO BLOCCATO DAGLI USA. Fino ad oggi nella patria del rastafarianesimo, chi veniva trovato con anche una sola canna rischiava fino a 10 giorni di prigione, una pena che colpisce 300 giamaicani ogni settimana secondo le stime della polizia. Mentre il dibattito sulla depenalizzazione era andato avanti per anni senza grossi risultati. Già nel 2003 una commissione incaricata dal governo aveva raccomandato la depenalizzazione del consumo e della piccola coltivazione, ma i propositi del governo si erano fermati di fronte al “No” degli Usa, che ogni anno versano sontuosi aiuti economici nelle casse di Kingston per sradicare le coltivazioni di quello che è il maggior esportatore di erba verso il mercato americano (quasi 60milioni di tonnellate sequestrate solo nel 2012). Ora però dotrebbe essere la volta buona, considerando soprattutto che, almeno a parole, entrambi i principali partiti giamaicani si sono espressi in favore della depenalizzazione.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button