Con lo scopo di aiutare la conservazione della barriera corallina è stata attuata in Belize una stretta collaborazione tra guide turistiche, ambientalisti, scienziati e pescatori. Tutto questo ha permesso dal 2006, anno in cui la barriera corallina fu dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, ad oggi una crescita del 35% del corallo. 

Si tratta del Sistema di barriere coralline mesoamericane, la seconda per grandezza al mondo, che corre parallela alla costa dello Yucatan fino al Belize per oltre 700 miglia marine, più di 1200 km.

Il piano di ripopolazione è partito un decennio fa e prevede l’impianto di alcune specie su scogliere poco profonde, il monitoraggio e la preservazione delle stesse. In questo lasso di tempo la barriera è cresciuta di oltre 90 mila esemplari e non certo per merito dell’uomo, ma potremmo dire, nonostante l’uomo.

La delicatezza dei coralli e i loro tempi di crescita rendono la barriera corallina in perenne equilibrio tra la vita e la morte. La diminuzione di pesci nei mari fa proliferare le alghe delle quali si nutrono, in particolare le macroalghe carnose che aumentano la loro popolazione a svantaggio del corallo. Oltre ciò l’aumento della temperatura dell’acqua come l’impatto dei complessi alberghieri e l’estrazione del petrolio sono tra le prime cause dell’assottigliamento delle barriere.

Ma l’importante crescita riportata dal Belize frutto dell’impegno e della partecipazione di tanti piccoli siti di controllo e studio disseminati lungo tutta la barriera, circa 300, fa ben sperare per il futuro di queste creature che nel resto del mondo, e in particolar modo nella barriera corallina australiana, stanno inesorabilmente morendo.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.