Il problema della plastica è ormai impellente. Si calcola che entro il 2050 ci potrebbe essere più plastica che pesci negli oceani.

Un passo di grande coraggio è stato fatto dal Costa Rica, che lancia una nuova sfida alle aziende: mai più monouso di plastica.

Così come si è ripromessa di fare la Francia, anche il paese sud americano ha messo al bando tutto il monouso di plastica, dalle bottiglie alla posateria, dai contenitori per gli alimenti ai sacchetti di plastica. Ed entro il 2021.

Un termine volutamente prossimo, per incentivare le aziende a investire nella ricerca e abbandonare la campana (di plastica) nella quale si crogiolano da troppi anni. Meno di un lustro per attuare una vera e propria riforma per arginare e virare la tendenza suicida messa in piedi dall’era del consumismo.

Il Costa Rica non è nuovo ai primati scaturiti dalle politiche adottate, come la scelta di non avvalersi di un esercito oppure per le decisioni in ambito energetico, dove ha sfidato le previsioni e fatto parlare di sé per i record raggiunti.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.