LifestyleAmbiente e natura

In Cina i pesticidi hanno ucciso tutte le api e così l’impollinazione si fa a mano

In Cina i pesticidi hanno ucciso tutte le api e così l'impollinazione si fa a manoIn Cina per i troppi pesticidi, non DDT ma altri tipi di veleni, sono morti tutti gli insetti lasciando i coltivatori di mele, pere, mandorle e altri frutti senza insetti impollinatori (ricordiamo che il 75% di tutta la produzione agricola dipende dalla impollinazione delle api. Parliamo di fagioli, pomodori, zucche, fragole, frutti di bosco, meloni, piselli e molto altro ancora).

Ci sono vari metodi per aumentare la popolazione di insetti impollinatori, come per esempio piantare fiori appropriati vicino alle coltivazioni agricole o lasciare crescere  foreste e erbe selvatiche vicino ai campi cosa che può anche portare all’aumento del numero di predatori naturali delle specie invasive che mangiano le colture, in modo da dover usare meno pesticidi.

Purtroppo in Cina non è andata così nelle scorse generazioni. Anzi. Mao Tse Tung pensava che rondini, zanzare, mosche e zecche fossero dannose per l’agricoltura e decise di dicharare guerra a questi animali, definendoli “le quattro pestilenze dell’agricoltura“.

Voleva sterminarli tutti.

In Cina i pesticidi hanno ucciso tutte le api e così l'impollinazione si fa a manoLe rondini erano viste come dannose per i granai perché andavano lì a nidificare e a mangiare. La guerra alle rondini cessò nel 1960 perché si accorsero che man mano che diminuivano il numero degli altri insetti, prima mangiati dalle rondini ma ora liberi di riprodursi a piacimento, aumentava.

Ad ogni modo il calo delle rondini ha avuto conseguenze irreversibili. Prima di tutto ha portato alla proliferazione di locuste a cui seguì una grande pestilenza che portò affamò la Cina, causando la morte di un numero non meglio stimato fra i 16 e 30 milioni di abitanti.

Inoltre, per tenere sotto controllo la proliferazione degli insetti prima prede dellle rondini, si iniziarono a usare pesticidi in quantità industriale. I pesticidi non facevano distinzione fra insetti, li uccidevano tutti, come aveva a suo tempo detto Mao. Nel frattempo l’agricoltura intensiva faceva i suoi danni: terre degradate dalla moncoltura, salinità aumentata, fino al collasso specie del sud-ovest del paese. Così gli  impollinatori naturali si sono estinti, in primis le api selvatiche che hanno bisogno di un habitat sano, di fiori, di natura.

Ora comparse le api, l’impollinazione in Cina si fa a mano. E non si tratta di un business da niente: negli USA si stima che il ruolo di questi insetti valga quasi 15 miliardi di dollari!

Le cose non vanno meglio in Europa. Ad esempio in Gran Bretagna tre specie di api sono andate estinte e altre sei sono in via di estinzione. Quattro specie di api sono invece scomparse del tutto dall’Europa.

Ora in Cina gli agricoltori fanno le cose a mano. Portano con sé un contenitore pieno di polline e un pennello per disperderlo sui fiori di meli e di peri, un compito affidato anche ai bambini con un enorme dispendio di energia. E pensare che le api hanno fatto tutto questo gratis per noi per millenni e noi come scemi le abbiamo decimate.

In Cina i pesticidi hanno ucciso tutte le api e così l'impollinazione si fa a mano





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button