In Canada ci sono più di 35mila pazienti che sono autorizzati all’autoproduzione di cannabis per trattare la propria patologia o, se impossibilitati, a nominare qualcuno che lo faccia per loro.

In Canada la cannabis è stata resa legale per uso medico nel 2001. Attualmente il sistema funziona con i produttori che chiedono la licenza statale, e i pazienti che, dopo la registrazione, possono o recarsi nei dispensari ad acquistare la cannabis, oppure farsi consigliare le genetiche più appropriate per la propria patologia per poi coltivare in autonomia.

E le autorizzazioni all’autoproduzione di cannabis, sono in continuo aumento. Nell’estate del 2017, e quindi 3 anni fa, i pazienti autorizzati ad auto-produrre cannabis erano poco più di 10mila e in questi 3 anni sono quindi più che triplicati.
«Secondo il Cannabis Act», si legge sul sito del ministero della Sanità canadese, «gli individui con una prescrizione medica possono acquistare cannabis direttamente da un venditore con licenza federale. Gli individui possono anche registrarsi presso Health Canada per produrre una quantità limitata di cannabis per i propri scopi medici o designare qualcuno che la produca per loro conto. Gli operatori sanitari sono regolati dalle autorità di regolamentazione medica provinciale/territoriale o “collegi”. La maggior parte degli enti regolatori medici provinciali e territoriali hanno la loro serie di standard e linee guida per i membri, che possono includere codici di pratica relativi all’autorizzazione della cannabis per scopi medici. Di conseguenza, le pratiche di autorizzazione e l’uso della cannabis per scopi medici possono variare tra le province e i territori».

I pazienti registrati sono invece circa 330mila, ma è un numero indicativo perché «i pazienti possono essere registrati presso più di un venditore autorizzato e presso Health Canada a condizione che ad ogni registrazione sia stato utilizzato una prescrizione originale». Ad ogni modo anche qui c’è stata una crescita esponenziale, con circa 8mila registrazioni nel 2014, passate a oltre 100mila nel 2016 che sono diventate più di 200mila nel 2017. Il quantitativo medio di cannabis secca autorizzato è di 2 grammi al giorno.

Fonte: cannabisterapeutica.info





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.