Il disastro umanitario, ambientale ed economico che sta colpendo la California da ormai una settimana sta compromettendo seriamente anche il settore della cannabis legale. Gli incendi divampati in buona parte dello stato hanno infatti colpito gravemente il cosiddetto “triangolo smeraldo“, ovvero l’area dove viene coltivata gran parte della marijuana legale statunitense.

Sono 41 i morti già accertati, centinaia i dispersi, 200mila i cittadini sfollati, almeno sette mila le abitazioni e le strutture ricettive e produttive distrutte dalle fiamme. Tra queste, secondo il New York Times, molte tra le industrie dedite alla coltivazione di cannabis, anche se per ora è impossibile fare una stima vagamente precisa.

Inoltre, anche le coltivazioni non andate materialmente in fiamme potrebbero essere seriamente compromesse a causa del fumo e della fuliggine, che potrebbero aver ricoperto le infiorescenze causando possibili contaminazioni potenzialmente dannose per la salute, oltre che per l’aroma della cannabis.

Il settore della coltivazione di cannabis in California occupa migliaia di coltivatori. Nell’Emerald triangle, formato dalle contee di Mendicino, Trinity e Humboldt, si stima che ci siano almeno tre milioni di piante di cannabis. In California la canapa si raccoglie a ottobre inoltrato, e le piante erano praticamente giunte a maturazione quando le fiamme hanno colpito la regione.

Il giro d’affari generato dalla cannabis prodotta in California è pari a 2,8 miliardi di dollari per il solo mercato terapeutico, con una stima di crescita (dopo la recente legalizzazione anche per il consumo ricreativo nello stato) che potrebbe portarlo a oltre 6,5 miliardi nei prossimi tre anni.

Ad aggravare il quadro il fatto che molte delle aziende agricole dedite alla coltivazione della cannabis non possiedono alcuna assicurazione contro gli incendi, in quanto – a causa del fatto che secondo la legge federale americana la cannabis rimane illegale – non sono riuscite a trovare compagnie assicurative disposte a erogare una polizza.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.