Geopolitica

In Burundi sta per verificarsi un genocidio

burundi (1)Il Burundi corre verso la guerra civile ed un possibile genocidio. Interi quartieri della capitale Bujumbura sono assediati dai militari e da feroci milizie. Di ciò che accade in tante zone di questo bellissimo paese dell’area dei Grandi Laghi non si sa pressappoco niente. Si susseguono le uccisioni, le torture e le distruzioni mentre sale il grido rabbioso della soluzione finale, il massacro etnico.

La minoranza tutsi del paese, e con essa gli hutu moderati, corrono in queste ore gli stessi rischi che poi produssero il genocidio ruandese. Sono state addestrate al massacro numerose milizie, si è promesso a povera gente di etnia hutu la possibilità di far bottino dei beni tutsi. Questo sotto gli occhi di tutti. Come allora. E come allora nessuno fa un passo per mettere fine sul nascere a questo orrore annunciato.

Gli interessi in campo sono molteplici. Il Burundi confina con la Repubblica Democratica del Congo e le sue immense ricchezze. E’ una base operativa importante per aver parte nel grande affare della spoliazione di quelle risorse. Nel lago Tanganica, su cui affaccia, sono certe importanti riserve petrolifere.

Anni fa, dando vita all’orrore ancora in corso in quest’area, alcuni potentati immaginarono una Tutsilandia. Il progetto prevedeva che questa minoranza, fatta di commercianti, imprenditori e militari spesso formatisi negli Stati Uniti, prendesse il potere in quest’area fondamentale per le sue materie prime rare. Il Burundi è l’ultimo paese ad essere ancora gestito, molto male, dagli hutu.

L’attuale presidente si è fatto riconfermare tale per un terzo mandato in barba a tutte le convenzioni. Oggi è nelle mani dell’estremismo hutu, delle sue paure nei confronti dei paesi di Tutsilandia e della sua voglia di vendetta in tutta l’area.

Questa divisione etnica e’ stata creata dalle potenze coloniali. Prima sia in Burundi che in Ruanda esisteva un unico popolo. Belgi, francesi e poi americani hanno soffiato sul fuoco delle rivalità pur di affermare i propri interessi.

Le prossime ore saranno decisive. Un genocidio, l’ennesimo, è annunciato. Bisogna intervenire prima che sia troppo tardi. Francia e Stati Uniti hanno tutta la possibilità di farlo. Ogni loro ritardo mostrerà quali sono le vere ragioni della crisi in atto. E le sue responsabilità più vere.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.