Industriale

In Bulgaria la prima autorizzazione europea per la vendita libera di CBD

In Bulgaria la prima autorizzazione europea per la vendita libera di CBD

La Bulgaria è il primo paese in Europa ad aver emesso un’autorizzazione per la vendita libera di CBD sul mercato, anche ai fini dell’esportazione. Lo ha rivelato Forbes spiegando di aver visionato i documenti dell’azienda americana Kannaway, quotata in borsa sul listo Medical Marijuana Inc. (OTC: MJNA), che ha sedi anche in Europa e sviluppa prodotti per il wellness a base di CBD.

Da quello che racconta la rivista, il ministero dell’Agricoltura, dell’alimentazione e delle foreste della Bulgaria e l’Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare hanno emesso un permesso di vendita libera per una serie di prodotti contenenti CBD della linea dell’azienda. Ora sono certificati. E quindi «soddisfano pienamente i requisiti pertinenti della legge sui prodotti alimentari della Repubblica di Bulgaria e del regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio sull’igiene dei prodotti alimentari».

Invece in Europa il CBD e infiorescenze sono considerati novel food. E quindi alimenti che «non sono stati consumati in misura significativa dagli esseri umani nell’UE prima del 15 maggio 1997», quando è entrato in vigore il primo regolamento su questo tipo di prodotti. Il permesso rilasciato in Bulgaria invece considera i prodotti a base di CBD come «prodotti/integratori alimentari – e in quanto tali – sono immessi sul mercato in conformità con la legislazione pertinente dell’UE e della Repubblica di Bulgaria».

In una legislazione europea che vuole interpretare in maniera restrittiva anche la produzione e il commercio del CBD derivato dalla canapa industriale, la mossa della Bulgaria apre uno spiraglio controcorrente che può scompaginare la situazione e portare a un cambiamento generale.

Fonte: canapaindustriale.it





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.