CannabisHigh timesnarcotraffico

Importavano cannabis dall’Albania con un aereo ultraleggero: rischiano fino a 24 anni di carcere

Importavano cannabis dall'Albania con un aereo ultraleggero: rischiano fino a 24 anni di carcereUn aereo ultraleggero trasportava marijuana dall’Albania fino allo piccolo scalo aeroportuale di Gattinara (Vercelli). I frequenti voli dall’Albania del velivono avevano destato sospetto tra gli agenti della sezione Antidroga della Squadra Mobile, che hanno deciso di aspettare il velivolo per un controllo al momento dell’atterraggio.

A bordo del velivolo gli agenti hanno rinvenuto 80 chilogrammi di cannabis, collocati in diversi pacchi dentro alla carlinga dell’aereo appositamente modificata per aumentarne la capacità, rimuovendo il secondo sedile.

La banda era composta da italiani e albanesi. Due uomini si occupavano di acquistare la cannabis in Albania e trasportarla in un “campo volo” idoneo a far atterrare un aereo ultraleggero. Quindi, dall’Italia partiva il “corriere aereo” che da Gattinara volava in Albania per il ritiro. Un metodo che, in poche ore, consentiva di importare ingenti carichi di erba che venivano poi rivenduti al dettaglio nelle zone di Torino, Vercelli e Biella.

Ora, a quasi due anni di distanza (l’arresto si verificò nell’estate del 2015) il Pm Antonio Rinaudo, che ha coordinato l’indagine, ha chiesto al giudice di Torino, al termine della requisitoria, la condanna degli inquisiti per “associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti”. I 5 protagonisti del traffico rischiano di scontare complessivamente 75 anni di carcere.

La pena più alta è stata richiesta per il capo della banda, italiano, per il quale il Pm ha chiesto una condanna a 24 anni di galera. 20 anni chiesti per il suo braccio destro e 10 anni e 8 mesi per il pilota del velivolo, un ristoratore residente sul Lago Maggiore. Per i due componenti albanesi del gruppo, che si occupavano di acquistare e consegnare al pilota la cannabis, il magistrato ha chiesto rispettivamente 8 e 11 anni e di carcere. La sentenza è attesa prima dell’estate.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button