Ambiente e naturaLifestyle

L’impatto della pandemia sull’ambiente è più devastante di quanto pensassimo

Mascherina gettata per terra in mezzo ad altra sporcizia inquinante

Secondo una nuova ricerca della University of Portsmouth, nel Regno Unito, la quantità di mascherine usate immesse nell’ambiente nei primi 14 mesi di pandemia è aumentato di circa il 9000% in 11 Paesi diversi, un valore che potrebbe presto tradursi in danni ecologici irreparabili. A causa dei materiali con cui sono prodotte, le mascherine sono, infatti, particolarmente difficili da smaltire e quelle già immesse nell’ambiente rischiano di restarvi per un periodo nettamente superiore alla conclusione della emergenza sanitaria.

Lo studio, pubblicato su Nature Sustainability, raccoglie i dati sui rifiuti raccolti dai cittadini dei Paesi presi sotto esame e registrati tramite l’app Litterati. I valori sono particolarmente allarmanti: a due anni dall’inizio della pandemia, le mascherine costituiscono oggi circa lo 0,8% dei rifiuti totali – un valore 80 volte superiore al periodo pre-Covid –, mentre guanti e salviette sono passate dallo 0,2% allo 0,4%, un aumento pari al 100%. La preoccupazione della comunità scientifica riguarda però principalmente le prime. Le mascherine chirurgiche e le ffp2 sono infatti un prodotto derivante dalla lavorazione della plastica e la degradazione di quelle immesse nell’ambiente naturale può richiedere oltre 400 anni.

Studiosi e ambientalisti sostengono che la gestione dei rifiuti dovrebbe essere incorporata nella progettazione di future politiche pandemiche per evitare eredità ambientali negative di DPI mal gestiti.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button