Succede nel 2019 e succede in un cratere sismico. Chi è al governo non vuole assumersi le proprie responsabilità in merito alle promesse mancate e impiega il tempo a mettere gli uni contro gli altri. Terremotati contro migranti, ultimi contro penultimi. Il gioco è sempre lo stesso, e si gioca sulla pelle degli indifesi: senza casa i terremotati, senza casa i migranti, li vogliono famelici intorno a un solo osso. Succede in Italia, un paese che ha vissuto il fascismo e l’emigrazione. Succede di nuovo in un posto dove noi abbiamo un’altra storia da raccontare. Raccontiamo la storia di gente venuta dal mare. Sapete cos’è la Brigata Meticcia? Tra le centinaia di persone che nel 2016 e 2017 sono venute nel cratere a dare una mano concreta ai terremotati del centro Italia c’erano anche decine e decine di richiedenti asilo, la “Brigata Meticcia”.

Per mesi questi nostri amici, tutti venuti dall’Africa sui barconi, hanno dato la loro solidarietà da Amatrice a Tolentino, da Arquata a Norcia, da Penne a Cellino Attanasio.

Hanno ricostruito stalle distrutte, hanno consegnato aiuti, hanno spalato la neve, hanno attraversato il cratere in lungo e in largo. Hanno messo a disposizione il loro “saper fare”, i lavori che facevano in altri paesi: muratori, falegnami, autisti. Loro, che oggi una casa non ce l’hanno più, l’hanno fatto perché sanno cosa significa perdere tutto da un momento all’altro, e l’hanno fatto insieme a noi. Nel frattempo molti politici circolavano per il cratere tra una passerella e l’altra, in campagna elettorale permanente, tra un selfie e una cena.

Questo è quello che noi viviamo e le parole del ministro della Paura che fomenta la guerra tra “poveri” pesano come macigni. Chi è al governo ha il dovere di risolvere i problemi, questo è quello che chiedono migliaia di terremotati. E giustamente i Comitati hanno reagito duramente: «Non partecipiamo alla guerra tra migranti e terremotati, che è una guerra tra poveri che non ci interessa. Noi abbiamo i nostri gravi problemi da risolvere e ci aspettiamo che il governo mantenga fede agli impegni presi coerentemente a quanto da loro stessi rimproverato ai precedenti governi. Non è stato varato nessun provvedimento che soddisfacesse le nostre richieste: sono state risolte solo piccole problematiche e difformità, ma nulla di importante e strutturale. Avevamo chiesto una zona franca per sostenere le piccole imprese e i lavoratori del territorio, avevamo chiesto un reddito di cratere. Ad oggi nulla è stato fatto. Siamo estremamente delusi, ma non ci arrenderemo». Noi c’eravamo e ci siamo ancora!

a cura di Brigate di solidarietà attiva – Terremoto centro Italia





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.