Tra tutti i settori del turismo e dei viaggi ce n’è uno in particolare che grazie all’abbassamento dei costi della tecnologia potrebbe diventare in futuro possibile per la massa, ed è lo spazio.

Fino dal suo sviluppo negli anni cinquanta del XX secolo i viaggi spaziali sono stati un desiderio dei molti appassionati ma i costi e le strutture necessarie alla sua realizzazione erano possibili solo ai governi di Paesi economicamente sviluppati. È solo alla fine degli anni Novanta che nasce la prima compagnia a fini commerciali per i viaggi spaziali, la Space Adventures.

Nel 2001 l’uomo d’affari americano Dennis Tito è il primo cosmonauta a pagamento e di fatto il primo turista spaziale. Il volo spaziale è oggi ritenuto un settore commerciale interessante da parte di diverse compagnie. Oltre alla già citata Space Adventures, sono state fondate numerose altre imprese tra cui Virgin Galactic, Starchaser, Blue Origin, Armadillo Aerospace, XCOR Aerospace, Rocketplane Limited, e il progetto europeo Project Enterprise. L’offerta prevede principalmente voli suborbitali con altezze massime di 100-160 chilometri.

Questo tipo di volo consente di rimanere da tre a sei minuti in condizione di assenza di peso, di osservare il panorama stellare e l’orizzonte curvo della terra. Il costo previsto per questi voli è di circa 200mila dollari a passeggero.

Come i viaggi degli emissari britannici del XIX secolo o degli spagnoli alla conquista delle Americhe, anche lo spazio da luogo escluso alla massa dei viaggiatori lentamente e inesorabilmente attraverserà un processo di democratizzazione rendendolo a portata di tutti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.