2014-09-17 02.17.32 pmArrestati con l’accusa di istigazione all’uso illecito di sostanze stupefacenti per la vendita on line di semi di Cannabis attraverso la ditta di cui sono titolari, un consigliere comunale di Vicchio (Firenze), Marco Gasparrini e il suo socio Luigi Bargelli, sono stati rimessi in libertà dopo due settimane di carcere preventivo, dal tribunale del riesame di Bolzano lo scorso 14 maggio. Assistiti dall’avvocato Carlo Alberto Zaina, consulente legale Aduc, i due imprenditori furono arrestati sulla base di un ipotetico reato d’opinione: vendere semi di canapa è legale, vendere libri sulla canapa è legale, ma secondo le tesi della procura vendere i due prodotti insieme costituisce istigazione al consumo. Un’accusa che l’avv. Zaina ha smontato nella richiesta di riesame del provvedimento di custodia cautelare e che il Tribunale di Bolzano ha accolto a pieno. Infatti, l’ordinanza di scarcerazione è un raro esempio di chiarezza e logica.

Si critica l’attuale legislazione, poco chiara e contraddittoria, oltre che non basata sull’evidenza scientifica: “In Italia non si è mai voluto approfondire e risolvere il problema che vi sono molti tipi di Cannabis. È necessario distinguere la Cannabis Sativa per corde e tovaglie da quella Indica che dà anche THC, e le nuove varianti genetiche della C. Indica con più THC nelle foglie di quanto un tempo si riteneva nella resina (hashish): questi semi andrebbero comunque proibiti.”

Mancanza di chiarezza che ha conseguenze devastanti per chi, come Gasparrini e Bargelli, rispetta la legge e nonostante ciò finisce in carcere: “Questa confusione scientifica ha portato anche a confusione mentale per cui si può essere condannati, in base a interpretazioni delle Cassazione, anche per aver coltivato per uso personale una pianta di canapa buona solo per far corde”.

Si ribadisce che la vendita di semi è sempre legale, come peraltro sancito dalla Convenzione internazionale di New York: “È comunque indiscutibile che i semi non sono ricompresi nelle tabelle degli stupefacenti e che pertanto il loro commercio e detenzione non sono soggetti ad alcuna limitazione e nulla cambierebbe se i semi contenessero anche THC.

Infine, si attaccano i barocchismi interpretativi con cui si punisce una condotta legale sulla base di un ipotetico reato d’opinione: “La legge va interpretata secondo il suo tenore letterale: per stabilire che cosa si intende per “istigazione” non bisogna andare a cercare nelle massime della Cassazione, ma solo in un vocabolario della lingua italiana”.

Pym – fonte: droghe.aduc.it

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.