Img 2

Il THC può aiutare a proteggere dalle lesioni cerebrali traumatiche, arrivando a ridurre il tasso di mortalità tra coloro che subiscono questo tipo di incidenti. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori del Los Angeles Biomedical Research Institute (LA BioMed) che hanno mostrato come i pazienti positivi ai livelli di THC abbiano avuto una probabilità di sopravvivenza di gran lunga superiore rispetto a quelli che non presentavano alcuna quantità di tale sostanza nel loro corpo.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato 446 volontari che hanno subito lesioni traumatiche a livello cerebrale, 82 dei quali avevano un buon livello di THC nelle urine. Tutti i pazienti hanno subito lesioni di entità simile, ma una notevole differenza è stata evidenziata nel tasso di mortalità. Tra le persone positive al THC il tasso di mortalità è stato del 2,4%; negli altri pazienti era decisamente più alto: l’11,5%, ovvero circa cinque volte tanto.

«Secondo studi precedenti alcuni composti della marijuana aiutano a proteggere il cervello negli animali in seguito a un trauma», ha spiegato David Plurad, dottore e ricercatore presso LA BioMed e autore principale dello studio pubblicato ad ottobre su The American Surgeon: «Questo studio è stato uno dei primi in ambiente clinico in grado di associare specificamente l’uso di THC come un predittore indipendente di sopravvivenza dopo una lesione cerebrale traumatica ed evidenzia il fatto che la presenza di THC nel corpo durante una lesione cerebrale da trauma aumenti le possibilità di sopravvivenza». 
Naturalmente ciò non significa che la ricerca consigli di assumere cannabis prima di mettersi al volante: «Una persona può essere positiva al THC fino ad un mese dopo averlo assunto», ha puntualizzato il dottore specificando che «non è necessario aver fumato nei momenti precedenti ad un incidente. Basta che il THC sia stato assunto nell’ultimo mese circa».

Ora saranno necessarie ulteriori ricerche per capire meglio come questa scoperta possa aiutare nel concreto partendo dal fatto che il meccanismo d’azione del THC in questo processo non è ancora del tutto chiaro.

 





Leave a Reply

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.