Buone notizie

Il Sudamerica dice basta alla carneficina degli ambientalisti

Solo nello scorso anno, 207 ambientalisti in tutto il mondo hanno perso la vita per sostenere battaglie per la salvaguardia della natura. Un numero che spiega da sé la necessità di una legge che tuteli quella parte di società civile che s’impegna nelle questioni ambientali soprattutto in paesi, come quelli dell’America Latina, dove si registrano la maggior parte dei casi.

Da qui nasce l’accordo di Escazù, dal nome dell’omonimo distretto della Costa Rica, che entrerà in vigore entro il 27 settembre 2020, il tempo di raccogliere l’ok degli stati partecipanti a impegnarsi affinché le leggi nazionali siano in linea con quanto prescritto e cioè garantire l’accesso all’informazione, la partecipazione pubblica e la giustizia nelle questioni ambientali.

Il Sudamerica dice basta alla carneficina degli ambientalisti
I responsabili delle morti degli ambientalisti che restano nel 92% dei casi impunite

Tecnicamente il documento si chiama Lac P10 e mette nero su bianco il fatto che le persone e le organizzazioni che difendono l’ambiente e i diritti umani siano liberi di manifestare il loro pensiero e operare in tal senso, avviando delle misure per prevenire gli attacchi e le intimidazioni nei loro confronti, per poi indagare quando accadono e punire i colpevoli.

Questo documento intende anche spianare la strada per le persone comuni che vorranno cercare informazioni sulle questioni ambientali che le riguardano direttamente: nuovi giacimenti minerari, misure di contrasto all’inquinamento, sfruttamento del suolo e così via. La popolazione dovrà avere voce in capitolo nei processi decisionali e, se necessario, far valere i propri diritti anche quando dall’altra parte ci sono grandi interessi economici. I governi, da parte loro, avranno la responsabilità di garantire sostegno (anche legale) alla società civile.





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button