Il mio 36esimo compleanno l’ho festeggiato tra le foreste e le valli del Bhutan centrale, in un trekking di 3 giorni con zaino e tenda. Senza dirmelo i miei compagni di viaggio si erano organizzati con una torta con tanto di candelina e litri di whisky bhutanese per annaffiare le gole arse dalla camminata. Vedendo che davo un occhio all’orologio, Sonam a un certo punto mi ha chiesto: «Perché lo fai?». «Per vedere a che ora arriviamo?», gli ho risposto. «E cosa cambia, una volta che l’hai scoperto? Quando arriviamo, arriviamo». Da lì è partita una discussione sulla concezione del tempo di noi occidentali.

I Bhutanesi infatti non hanno orologi, c’è solo qualche meridiana nei centri principali e, fino alle nuove generazioni, non festeggiavano nemmeno i compleanni per un motivo semplice: non sapevano nemmeno con precisione in che giorno erano nati. Questa cosa mi ha fatto riflettere. I bambini, anche quelli occidentali, vivono pienamente nel “qui e ora”, come dicono i maestri. Quando un bambino vuole fare una cosa, digli di rimandarla tra mezz’ora, per lui non ha senso, perché è un tempo che nella sua testa non esiste, esiste solo l’attimo che sta vivendo.

L’attitudine dei bhutanesi in questo senso è molto pura e molto più vicina all’armonia che le popolazioni ancestrali hanno con il tempo e la natura, senza le inutili mediazioni occidentali, che sembrano più sofisticate, e in realtà sono inutili e controproducenti.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.