Consumo Critico

Il riso integrale invade i supermercati: lo scegliamo e utilizziamo nel modo corretto?

Il riso integrale invade i supermercati: lo scegliamo e utilizziamo nel modo corretto?Il riso integrale è costituito da grani sbramati, ovvero chicchi dai quali è stata rimossa la pula non commestibile ma è stato conservato l’involucro di crusca esterno. Lo strato di crusca di rivestimento è importantissimo, infatti contiene vitamine del gruppo B, minerali e fibre che contribuiscono anche alla regolazione del picco glicemico, assenti invece nel riso bianco.

Il riso è un’ottima fonte di manganese e una buona fonte di minerali tra cui selenio e magnesio. Inoltre l’80% del riso è costituito da amidi: quando viene digerito si converte in glicogeno all’interno del flusso sanguigno, una vera e propria riserva di energia muscolare. Da anche un modesto apporto proteico ma la cosa più stupefacente di questo cereale è che tutto il suo contenuto proteico e vitaminico resta intatto durante la fase di cottura. Se si passa, come consigliabile, dal riso bianco a quello integrale, bisogna fare attenzione al fatto che il riso integrale in cottura raddoppia di volume e va cotto preferibilmente ad assorbimento (risotto, metodi di cottura asiatici) o a vapore, evitando invece la bollitura che disperde molti nutrienti nell’acqua.

Un errore grande che abbiamo sempre fatto in Italia, infatti, è quello di utilizzare riso bianco al posto di quello integrale e di cuocerlo spesso bollendolo e scolandolo, disperdendo così gran parte dei suoi nutrienti.

Il riso integrale invade i supermercati: lo scegliamo e utilizziamo nel modo corretto?Il riso, inoltre, va messo a bagno per almeno tre ore prima di cuocerlo. Purtroppo la tradizione occidentale è carente da questo punto di vista e siamo deviati dall’abitudine di buttare il riso in pentola e soffriggerlo direttamente, così come siamo abituati alla cottura diretta dell’orzo nelle zuppe. È invece più sensata l’abitudine asiatica di lavare e lasciare in ammollo il riso prima di utilizzarlo. I cereali infatti contengono acido fitico che nell’intestino si lega a calcio, magnesio, rame, ferro e zinco bloccandone in parte l’assimilazione. L’ammollo scongiura invece questa eventualità, permettendo di assorbire meglio questi minerali.

Il riso integrale può essere conservato già cotto in frigorifero fino a 36 ore, dopo di che comincia a fermentare anche a basse temperature. Per una conservazione più lunga è necessario ricorrere al congelatore, sebbene dal punto di vista della qualità e quantità dei nutrienti non è indicata la congelazione.

È sempre meglio conservare il riso integrale in un luogo fresco e buio, in un contenitore ermetico. Non è indicato invece conservarlo nelle confezioni di acquisto se sono già state aperte, oppure in vasi trasparenti sulle mensole della cucina perché la luce contribuisce a un irrancidimento più veloce.

Il riso integrale invade i supermercati: lo scegliamo e utilizziamo nel modo corretto?Come scegliere il riso integrale? Le indicazioni valide sono quelle già fornite per i cereali integrali. Nel caso del riso va posta particolare attenzione alla zona di coltivazione. Benché sia preferibile il prodotto locale, alcune zone risultano particolarmente inquinate come per esempio la provincia di Pavia e Vercelli, dove viene prodotta una parte importante del riso italiano. È anche una delle zone italiane con maggiore concentrazione di termovalorizzatori e con una storia di alto uso di pesticidi, tanto che alcune specie rettili come rane e rospi sono quasi del tutto scomparse. In questi casi, affidarsi a Gruppi di Acquisto Solidale e singoli coltivatori di cui si possa controllare zona e metodi di coltivazione.

TG DV


grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Back to top button