AntiproibizionismoHigh times

Il referendum sulla cannabis è salvo: il governo concede la proroga al 31 ottobre


Grazie alla grande pressione messa in campo dal Comitato promotore del referendum sulla cannabis, il governo ha approvato la proroga al 31 ottobre. Dopo una prima manifestazione a Montecitorio e le mancate risposte da migliaia di comuni che avrebbero dovuto inviare per legge entro 48 ore di tempo i certificati elettorali dei firmatari, il Comitato aveva indetto una serie di iniziative che prevedevano lo sciopero della fame a oltranza di 200 persone e il presidio notturno andato in scena ieri notte davanti a Montecitorio.

“Il Governo ha approvato la proroga sul #referendumcannabis! Bravi!! (Tranne la Lega che si è astenuta, preferivano il sabotaggio). È importante la pubblicazione immediata in Gazzetta ufficiale, perché alle 13 domani ci sarebbe la scadenza in Cassazione)”, ha scritto Marco Cappato, tra i primi a dare la notizia via social.

“Non stiamo chiedendo un favore, un privilegio, ma una riparazione dovuta per un danno che è già stato fatto, perché molti Comuni non hanno restituito le firme certificate entro le 48 ore, termine improrogabile per legge”, aveva invece sottolineato Riccardo Magi, con il quale abbiamo fatto il punto su tutto il percorso della legge sull’autoproduzione votata in Commissione Giustizia e sul referendum, per capire quali saranno i prossimi passaggi.

“Abbiamo salvato il referendum sulla cannabis”, è il messaggio di Meglio Legale in cui sottolineano che: “Grazie all’impegno straordinario di migliaia di persone che si sono mobilitate in tutta Italia, il Consiglio dei Ministri ha deciso di concedere la proroga fino al 30 ottobre”.

Più avanti, probabilmente verso dicembre, ci sarà il vaglio della Corte Costituzionale del quesito referendario, e poi, se anche questo passaggio andasse a buon fine, il referendum sarà probabilmente indetto per questa primavera.
referendum cannabis





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.