HipHop skillz

Il rap italiano trovi il coraggio di professarsi antirazzista ed antifascista

lucci

Pensa che me piacevi come rapper”. “V’aspettiamo antifa quaraquaquà”. “Continuo ad ascoltarti anche se non sai di cosa parli”. “Basta usare i termini fascista e razzista a caso”. “Roma fa schifo e tu di più”. Questi alcuni dei messaggi in risposta alla foto che Lucci ha pubblicato qualche ora fa in appoggio alla contromanifestazione di sabato 28 febbraio, #MaiConSalvini.

Chiunque – compresi i non “fan” – può commentare post di pagine aperte al pubblico, è risaputo. È verosimile che tra questi commenti ve ne sia qualcuno partorito da un troll che nulla ha a che fare con Lucci e con la sua musica, dunque. Ciò non deve però distogliere l’attenzione su un dato quasi certificato (se più indizi fanno una prova, vedasi gli insulti ad Amir): il rap italiano è sempre più ascoltato da persone per le quali non è usato a caso l’aggettivo di fascista o razzista – termini affatto obsoleti o senza senso. Il genere si è sdoganato a numeri e platee mainstream e inevitabilmente ha attecchito anche su chi non ha preferito studiarne la sua essenza di disciplina facente parte di una cultura, l’hip hop, che allontana e rinnega ideali di sopraffazione e di odio verso il prossimo.

Negli ultimi anni sono sempre meno i rapper italiani che prendono posizioni nette su temi sociali o politici. In pochi sembrano dar voce alle minoranze e buona parte dei testi più “impegnati” sono ipocritamente generici e spesso solamente anti-kasta, anti-politica. Fare soldi è certamente un’ambizione legittima per un artista, ma non a discapito di una sorta di dovere che un rapper ha, una volta impugnato il microfono, come ad esempio formare nei fan una coscienza civica votata all’aggregazione, piuttosto che ad un individualistico fine estetico. Un cerchiobottismo che fa il gioco di chi, come la Lega e Casa Pound (ricordate il contest di graffiti organizzato dai neofascisti?), marcia e genera consensi da questo limbo di insicurezza e confusione: l’hip hop è antirazzista ed antifascista, da sempre.

Qualcuno trovi il coraggio di dirlo apertamente.

______________

Nicola Pirozzi



grafica pubblicitaria sponsor canapashop

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.
grafica pubblicitaria sponsor plagron

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio