SPAIN-DRUG-SOCIAL-MARIJUANA

Raramente la morte di un organismo è tanto celebrata quanto durante il tempo del raccolto. E’ strano pensare che tutti noi viviamo della morte di un altro organismo e che a questo, con il tempo, siamo diventati insensibili. La natura egoistica dell’uomo induce a pensare che lo scopo di Madre Natura sia solo quello di rispondere ai nostri bisogni. Il raccolto è forse il momento che più ci avvicina alla natura, rendendoci coscienti di esserne noi stessi parte integrante. Ci ricorda che c’è una moltitudine di piante ed animali che rende la vita affascinante e la trasforma in un’incredibile esperienza. Non c’è dunque da meravigliarsi se al momento del raccolto, sono in molti ad essere felici di poter godere dei prodotti del proprio giardino!

Tutta l’area a Nord dell’Equatore è giunta ora al momento più significativo della stagione vegetativa: il raccolto.Tempi addietro, in questo periodo, Ia gente si radunava per affrontare il grande e duro lavoro.Tutti si aiutavano reciprocamente per prepararsi adeguatamente ai freddi mesi a venire, mentre il terreno era lasciato riposare fino alla successiva primavera. Il raccolto doveva essere abbondante per garantire alla famiglia di passare l’inverno senza problemi. Erano dicevamo, altri tempi. Ora la vita si è meccanizzata e le famiglie non dipendono più unicamente dalI’aiuto degli altri, il raccolto non rappresenta più l’unica fonte di guadagno e di cibo. Oggi dipendiamo maggiormente dalla meccanica e dalla tecnologia, sia per fare il lavoro sia per sapere quando farlo.

Quello della canapa e del suo raccolto è tuttavia un settore dell’agricoltura che la meccanica ha trascurato: rimane dunque un lavoro che richiede molta mano d’opera. Ecco un settore dell’agricoltura, dove lo spirito dell’amicizia e dell’esperienza condivisa riunisce ancora gente di diverse estrazioni sociali e culture. Studiamo allora il raccolto della canapa in Europa e vediamo come, grazie ad un’erba, le nostre vite si avvicinano. Settembre e ottobre sono gli ultimi mesi nei quali frutta e grano possono ancora maturare e le piante dare i loro ultimi fiori: il freddo è alle porte. La canapa è come Ia maggior parte dei prodotti agricoli: germoglia in aprile-giugno e matura in settembre-ottobre. Come per altri prodotti, la canapa è dapprima tagliata, poi liberata dalle grandi foglie e messa a seccare. Una volta secca sarà trasformata in uno degli innumerevoli prodotti che grazie alla canapa si possono preparare… dalle medicine alle tinture, dai tessuti agli isolanti termici, dagli oli alimentari alla farina e via discorrendo. Il raccolto della canapa è molto pregiato, poiché tutte le parti della pianta trovano un impiego.

2015-05-23 02.22.46 pm

Il momento del raccolto
Tagliare la pianta una volta matura non è un’arte! Ci sono solo alcuni particolari da controllare per capire quale sia il giorno giusto, ma con l’aiuto di una lente di ingrandimento avrai la situazione in mano. Naturalmente anche la tua pianta segue i ritmi stagionali del tempo, cambiando il suo aspetto man mano che l’inverno si avvicina. Vedrai che le piante non ancora pronte alle temperature più fresche, inizieranno a cambiare il loro colore assumendo tinte rossastre. Questo cambiamento cromatico è solitamente causato dal fatto che la pianta non riesce più ad assorbire dalla terra il magnesio e gli altri elementi di cui necessita. Non preoccuparti se questo fenomeno accadrà anche nella tua coltivazione! A meno che l’inverno non arrivi repentinamente, il prodotto finale sarà comunque di buona qualità.

La prima cosa che noti è che le lamine delle foglie diminuiscono proprio come sono aumentate all’inizio della crescita: durante la stagione vegetativa le foglie passano da 1 …3 …5 …7 … 9 … 11… e poi diminuiscono a 9 … 7 … 5 … 3 … fino a una sola lamina. Quando avrà prodotto 3 o 4 set di foglie da 1 lamina la pianta sarà prossima alla fine del suo ciclo vegetativo. Il primo segno che il fiore sta giungendo al termine della fioritura è l’appassimento degli stigmi, che passano da un colore biancastro a tonalità giallo-marroni o rosse e iniziano a seccarsi.

Anche l’aspetto della resina si modifica. Se guardi attentamente vedi che sulle foglioline e sulle infiorescenze il colore delle celle di resina (o tricomi ghiandolari), passa da una tonalità chiara e trasparente ad un colore ambrato. Generalmente, quando il 70% di una qualsiasi parte della pianta che stai osservando con la lente diventa di colore ambrato, significa che la pianta è pronta per le cesoie. II colore ambrato dei tricomi ghiandolari indica che Ia pianta è giunta a maturazione.

Dopo il taglio
Per garantire una perfetta essiccazione della pianta, devi avere alcune nozioni basilari. La temperatura del locale, dove appendi la pianta a testa in giù dopo aver eliminato le foglie più grandi, deve aggirarsi attorno ai 15° C. Una temperatura superiore farà seccare Ia pianta troppo rapidamente e a discapito dell’aroma. Durante Ia fase di essiccazione la umidità del locale aumenta fino a raggiungere un tasso del 70-90%. Nel locale devi mantenere un buon ricambio e una buona circolazione dell’aria, per permettere alla pianta di lasciar evaporare tutta la sua umidità. Un pertugio, una presa d’aria esterna o una finestra aperta (opportunamente oscurata) andranno benissimo. L’ultimo dettaglio riguarda l’illuminazione: il locale deve essere il più scuro possibile. Una cantina scura e fresca, come quelle per il vino, con un ventilatore (non diretto sulle piante!) per la circolazione dell’aria sarebbe il luogo ideale per fare essiccare il tuo raccolto.

2015-05-23 02.23.02 pm

Essiccazione
Siccome hai appeso l’intera pianta, avrai bisogno di un po’ di tempo per farla seccare. La pianta avrà perso tutta la sua acqua quando, normalmente dopo 2 o 3 settimane, il colore dello stelo del fiore sarà passato da verde chiaro a bruno-grigio e, piegandolo con le dita, si romperà facilmente. A questo punto potrai tagliare via i fiori. Meglio tagliarli con le forbici, perché strappandoli con le mani si staccherebbero anche delle fibre dello stelo.

Conservazione
Il locale di conservazione deve essere secco: si deve, infatti, impedire che la pianta essiccata assuma l’umidità dell’ambiente circostante. Se Ia pianta essiccata dovesse prendere umidità rischierebbe di ammuffire. Molti pensano che più a lungo si conserva la canapa, più questa migliori le sue qualità. Durante una lunga conservazione invece, le sostanze attive come il THC e il CBD e altre ancora tendono a deteriorarsi e di conseguenza il prodotto perde le sue virtù. Per valorizzare al meglio il tuo raccolto, devi togliere tutte le foglioline verdi dai fiori in modo da ridurre la quantità di clorofilla contenuta nel prodotto finale.Aumentare la quantità di infiorescenze a disposizione, e ridurre le parti verdi della pianta, ti permette di ottenere la massima concentrazione di aromi. Potrai apprezzare e comprendere il vero e complesso aroma della canapa solo quando il fiore essiccato in modo graduale e
completo. Se tieni questi fiori in un contenitore ermetico nel frigorifero li manterrai freschi per uno o due anni! Li puoi anche congelare, ma devi essere sicuro che i fiori siano perfettamente secchi, e impacchettati sotto vuoto, altrimenti congelano e deperiscono.


ATTENZIONE: In Italia la coltivazione di Cannabis è vietata (art. 28 e 73 del DPR 309/90) se non si è in possesso di apposita autorizzazione (art. 17 DPR 309/90). Tutte le informazioni contenute in questo articolo, sono da intendersi ai fini di una più completa cultura generale o indirizzate ai lettori che vivono nei Paesi dove la coltivazione di Cannabis non è vietata.




Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.