Il primo afroamericano ad aprire un dispensario a Seattle, nello stato di Washington, non è una persona qualunque ma una vera e propria leggenda, soprattutto da quelle parti. Stiamo parlando di Shawn Kemp, ex stella del basket americano che ha militato per la maggior parte della sua carriera nei Seattle SuperSonics, squadra cittadina. Per questo, nonostante Kemp condivida l’attività con altri soci, già veterani nel mondo della cannabis e proprietari delle quote maggiori, sull’insegna del negozio non poteva che campeggiare il suo nome.

“C’è il mio nome su questa compagnia, che ho lavorato duramente per far diventare realtà. Voglio offrire la miglior qualità, esperienza d’acquisto e prezzi di Seattle. Ho due soci incredibili come Matt Schoenlein e Ramsey Hamide, con cui faremo di tutto per mantenere queste promesse ai nostri clienti, che restano la nostra priorità”, ha dichiarato in un comunicato ufficiale.

Non si tratta ovviamente dell’unico sportivo ad aver intrapreso una simile attività, basta infatti ricordare quella di un altro ex cestista come Al Harrington, ma l’esempio di Kemp, oggi cinquantenne, potrebbe spingere altre persone di colore a investire nell’industria della cannabis legale. Infatti, sebbene l’ex giocatore dell’NBA non abbia di fatto una quota di maggioranza nella Shawn Kemp Cannabis, cosa scoperta dai media solo dopo il lancio pubblicitario dell’iniziativa molto incentrato sull’identità afro creando diverse polemiche, il suo ingresso nel settore ha il merito di aver aperto il dibattito sulla necessità di combattere le discriminazioni e di garantire a tutti le stesse opportunità di essere protagonisti in questo mercato. Dei 50 dispensari presenti a Seattle, nessuno attualmente è gestito in esclusiva da un afroamericano.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.