Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha concesso la grazia a un uomo che era stato condannato a cinque mesi di carcere per aver coltivato alcune piante di cannabis a scopo di consumo terapeutico. Il presidente Mattarella ha riconosciuto che dietro la coltivazione allestita dal condannato, un uomo di 63 anni di Trento, vi erano solo ragioni di salute.

L’ufficialità della grazia è arrivata ieri, comunicata direttamente dall’avvocato dell’imputato, Fabio Valcanover. L’uomo graziato da Mattarella è malato di epatite cronica e sieropositivo. La sua condanna, che era stata confermata anche dalla Cassazione, aveva lasciato sconcertati. Il malato infatti era in possesso di regolare ricetta medica per l’uso di cannabis, ma a causa delle difficoltà riscontrate nell’approvvigionamento in farmacia, aveva messo a coltivazione due piante per non rischiare di rimanere senza cure.

«Bravo presidente, ha riconosciuto che si è trattato solo e soltanto di ragioni di salute», ha commentato l’avvocato Fabio Valcanover, che è anche un militante del Partito Radicale. La grazia è da considerarsi immediatamente esecutiva ed annulla del tutto la sentenza di condanna, che era stata di cinque mesi e dieci giorni di carcere e di 800 euro di multa.

Ovviamente la decisione del capo dello stato non inciderà in alcun modo sugli altri processi in corso o su altre condanne comminate in casi analoghi a questo. Si tratta di una decisione che incide solo sul singolo caso, senza comportare alcuna modifica alle leggi vigenti, secondo le quali la coltivazione di cannabis rimane un reato. Di seguito il documento di grazia, privato di alcuni dati sensibili, così come diffuso dall’avvocato Valvanover.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

<b>Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!</b>

This happens because the functionality/content marked as "%SERVICE_NAME%" uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: "click.