Activa (Filosofia)

Il potere è una montagna di merda

Il potere è una montagna di merda

L’effetto collaterale più chiassoso dell’istituzione è l’anti-istituzione. Dai in mano ad un gruppo di persone una certa quantità di potere e stai pur certo che nell’arco di pochi istanti avrai un altro manipolo di persone, ad esso speculare, che si prenderà una corrispondente e complementare quantità di potere. Spesso si sente dire che la mafia è l’anti-Stato, ma non si dà a questa espressione la corretta connotazione. Dire che la mafia è l’anti-Stato non significa affatto affermare che essa sia contro lo Stato. La mafia è la perfetta corrispondenza allo Stato, e l’uno non può esistere senza l’altra. Non c’è possibilità di pensare ad un potere senza il suo corrispondente speculare, ma non certo alternativo.

Dire che la mafia è l’anti-Stato non significa perciò affermare che queste due entità siano in competizione, che l’uno desideri far scomparire l’altra. Significa al contrario affermare la loro complementarietà. Se analizziamo il modo con cui lo Stato gestisce la questione degli stupefacenti sul territorio, ci troviamo di fronte all’esempio perfetto di quanto affermato sopra.

Non è una novità dire che il proibizionismo è la latrina in cui la criminalità continua a sguazzare, ed è evidente che quando la legge proibisce qualche cosa non la sta eliminando dal discorso sociale, ma la sta nascondendo e delegando a coloro che agiscono al di fuori della legge. Quando la legge proibisce, coloro che agiscono al di fuori di essa trovano terreno fertile per crearne un business milionario. Infatti, è proprio a causa del proibizionismo intorno agli stupefacenti che il commercio illegale di cocaina fa della Calabria il punto apicale nell’economia della droga mondiale: se un “bene” viene estromesso dalla legalità, esso diviene un “male” poiché immediatamente depredato da coloro che se ne fregano della legge e che perciò potranno commerciarlo ritagliandosi non solo una nicchia di mercato capillare, ma soprattutto il guadagno incredibile di un monopolio clandestino.

Il potere è una montagna di merdaLa cosa fondamentale da comprendere è la seguente: il potere non crea il suo opposto, ovvero lo Stato non crea la mafia intesa come contraria al funzionamento dello Stato. Il potere crea piuttosto la sua completezza, in cui non esiste la possibilità di istituire una proibizione senza al contempo istituire la clandestinità, il contrabbando, l’illegalità. La mafia vive di proibizione, tanto quanto lo Stato vive di legalità, ma le due cose non sono contrapposte, sono complementari. Per questo la questione della legalizzazione dovrebbe essere al centro del dibattito sulla mafia. Perché non c’è alcun modo di sconfiggerla se non togliendo la latrina dalla quale si nutre, e quella è la latrina del proibizionismo. Il problema più forte in ciò è che senza la proibizione non ci sarebbe nemmeno più lo Stato, o perlomeno lo Stato perderebbe gran parte delle proprie prerogative, indebolendo fortissimamente il suo potere. Infatti, uno Stato che non proibisca diventerebbe uno Stato di mera gestione economica, perderebbe gran parte delle sue funzioni burocratiche e di controllo, e sarebbe infragilito al punto da diventare quasi superfluo.

Perciò, non solo la mafia non può fare a meno dello Stato che proibisce, poiché altrimenti scomparirebbe nella normalizzazione del commercio e dell’economia libera, ma al tempo stesso lo Stato non può fare a meno della mafia che giustifica molte delle sue prerogative, e senza di essa diventerebbe un apparato sottile, leggero, secondario. Per questo, i vari Peppino Impastato, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono stati abbandonati, prima di chiunque altro, proprio dallo Stato. Perché se metti in pericolo la mafia, metti in pericolo il Potere. E il Potere è la vera montagna di merda.

Il potere è una montagna di merda





SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Articoli correlati

Back to top button