Porto RicoUn nuovo stato si unisce alla svolta mondiale sulla cannabis, legalizzando produzione e vendita anche se, almeno per ora, solo a scopo medico. Si tratto dello stato di Porto Rico, il cui governatore Alejandro Garcia Padilla, ha firmato un’ordinanza che legalizza l’uso terapeutico della marijuana. L’ordinanza, approvata direttamente dal governatore dopo mesi di stallo parlamentare, è immediatamente operativa.

UNA MISURA PER LA SALUTE E L’ECONOMIA. L’ordinanza va vista anche come una misura per cercare di rilanciare la disastrata economia del paese, che è in recessione da otto anni consecutivi ed è considerato ormai sull’orlo della bancarotta. La firma sul provvedimento in favore della cannabis medica da parte di Padilla è infatti arrivata tre giorni dopo che lo stesso governatore aveva dichiarato che avrebbe utilizzato tutti i poteri che sono a lui conferiti dalla Costituzione per cercare di dare slancio all’economia di Puerto Rico. In un comunicato il governatore ha spiegato ai media come diversi studi dimostrino l’efficacia della cannabis per alleviare i dolori provocati da sclerosi multipla, aids, glaucoma, alzheimer, emicrania, Parkinson e tante altre malattie. “Con l’uso medico di questa pianta stiano adottando uno strumento innovativo per garantire il benessere ed una migliore qualita’ della vita di questi pazienti”, ha detto Padilla.

IL QUADRO INTERNAZIONALE SULLA CANNABIS TERAPEUTICA.
Il Porto Rico va così ad aggiungersi all’ormai cospicua lista di stati delle Americhe che hanno già approvato leggi in favore del diritto all’utilizzo della marijuana per i malati. Negli Usa sono ad oggi 23 su 51 gli stati dove è stata ammessa. La Giamaica ha recentemente approvato una legge sulla legalizzazione della marijuana di vasta portata, che aprirà le porte all’industria della cannabis legale, mentre il governo cileno ha autorizzato un’azienda alla coltivazione di marijuana per scopi medici e nel 2013, l’Uruguay ha legalizzato la marijuana sia medico che ludico.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.