cannabis terapeutica 2Il Piemonte ha approvato la legge regionale che disciplina l’accesso alla cannabis terapeutica. La norma è stata approvata ieri con i voti favorevoli di Sel, Pd e Movimento 5 Stelle, il Piemonte è così l’undicesima regione italiana ad approvare una legge sul diritto alle cure a base di cannabinoidi. Rispetto alle altre legislazioni regionali già approvate in Italia, la legge piemontese consta di alcune novità che la pongono all’avanguardia nel quadro nazionale, anche se rimangono alcune criticità irrisolte.

SPESE PER I CANNABINOIDI SARANNO COPERTE DAL SERVIZIO SANITARIO. La legge regionale riconosce “il diritto di ogni cittadino a ricevere cure a base di cannabis e principi attivi cannabinoidi nel rispetto della normativa nazionale in materia e in particolare nel rispetto delle leggi sugli stupefacenti, sui medicinali e sulle cure sperimentali”. Il diritto alle cure attraverso i cannabinoidi dovrà essere sancito da una semplice ricetta medica e sarà garantito a tutti tramite il Servizio Sanitario Regionale, il quale consentirà l’accesso gratuito alle cure per gli aventi diritto (400mila euro stanziati per coprire le spese di approvvigionamento per il biennio 2015/16). Si tratta di una misura che dovrebbe garantire un reale diritto all’accesso alla cannabis terapeutica, senza dover sopportare i costi per l’importazione del farmaco dall’Olanda con spese che – nelle regioni dove esse rimangono a carico del paziente – arrivano anche a 35 euro per ogni grammo di cannabis.

LEGGE PREVEDE POSSIBILITA’ DI COLTIVAZIONE LOCALE DI CANNABIS. Un altro passo in avanti della giunta piemontese rispetto alle omologhe del resto d’Italia è rappresentato dalla normativa sulla produzione di cannabis. La legge prevede infatti tre possibilità di approvvigionamento: la fornitura di cannabis italiana attraverso le disponibilità della produzione in atto allo Stabilimento Chimico Militare di Firenze; l’importazione di cannabis terapeutica dall’Olanda (a costi sensibilmente più alti, ma che almeno per i primi anni sarà indispensabile per garantire l’accesso alla cura a tutti i malati che ne hanno diritto) e – ecco la novità rispetto a tutte le altre leggi regionali – la possibilità di avviare la coltivazione di cannabis direttamente sul territorio regionale, attivando dei “progetti pilota che coinvolgano l’Università di Torino, il Politecnico, l’Università degli Studi del Piemonte Orientale oppure le associazioni di malati”.

RICERCA E FORMAZIONE DEI MEDICI. Un altro punto importante riguarda l’approvazione e il finanziamento di progetti di ricerca e formazione. Università e laboratori di ricerca saranno coinvolti per effettuare ricerche scientifiche volte a monitorare i risultati delle cure a base di cannabinoidi tra i pazienti sottoposti a trattamento e per valutare possibili nuovi campi di applicazione. Mentre un percorso di formazione sarà predisposto anche per i medici, allo scopo di istruirli e sensibilizzarli circa l’opportunità di prescrivere la cannabis terapeutica. Una novità, quest’ultima, non certo di scarsa importanza, visto che in molte regioni che pur hanno approvato l’uso medico della cannabis, le associazioni di malati denunciano costantemente la disinformazione dei medici, i quali spesso rifiutano di prescriverne l’utilizzo.

MODALITA’ DI PRESCRIZIONE DEI FARMACI CANNABINOIDI. L’accesso alla cannabis terapeutica sarà garantito a tutte le persone che soffrono di dolori neuropatici cronici, sclerosi multipla o Sla sulle quali non funzionano le terapie standard con gli antinfiammatori. Una volta constatata questa condizione il dottore potrà considerare l’uso della terapia con i cannabinoidi e potrà prescriverla. Si tratta di una procedura che migliora quelle di alcune regioni (dove solo i medici specialisti possono prescrivere i cannabinoidi) ma che di certo non risolve tutti i problemi. Rimane infatti piuttosto ristretta la lista di patologie che consentono l’accesso alla cannabis, e sopratutto rimane la clausula che i cannabinoidi possano essere prescritti solo dopo che le cure convenzionali si siano rivelate inefficaci. Per esempio, i malati di sclerosi multipla dovranno comunque effettuare cicli di terapie standard a base di interferone (che causano effetti collaterali anche molto pesanti) e solo se queste non funzioneranno potranno passare alle cure (che si sono già dimostrate efficaci contro gli spasmi e sostanzialmente prive di effetti collaterali negativi) a base di cannabinoidi.





Comments are closed.

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA GIORNALISTICA
Onestà intellettuale e indipendenza sono da sempre i punti chiave che caratterizzano il nostro modo di fare informazione (o spesso, contro-informazione). In un'epoca in cui i mass media sono spesso zerbini e megafoni di multinazionali e partiti politici, noi andiamo controcorrente, raccontando in maniera diretta, senza filtri né censure, il mondo che viviamo. Abbiamo sempre evitato titoli clickbait e sensazionalistici, così come la strumentalizzazione delle notizie. Viceversa, in questi anni abbiamo smontato decine di bufale e fake-news contro la cannabis, diffuse da tutti i principali quotidiani e siti web nazionali. Promuoviamo stili di vita sani ed eco-sostenibili, così come la salvaguardia dell'ambiente e di tutte le creature che lo popolano (e non solo a parole: la nostra rivista è stampata su una speciale carta ecologica grazie alla quale risparmiamo preziose risorse naturali). ORA ABBIAMO BISOGNO DI TE, per continuare a svolgere il nostro lavoro con serietà ed autonomia: ogni notizia che pubblichiamo è verificata con attenzione, ogni articolo di approfondimento, è scritto con cura e passione. Questo vogliamo continuare a fare, per offrirti sempre contenuti validi e punti di vista alternativi al pensiero unico che il sistema cerca di imporre. Ogni contributo, anche il più piccolo, per noi è prezioso. Grazie e buona lettura. CONTRIBUISCI.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.