Non solo e sempre l’ospedale per far nascere i bambini: quando la donna è sana e senza complicanze ostetriche manifeste, quando la gravidanza è a termine e il bambino in posizione corretta, il parto in casa è una opzione sicura. A dirlo è uno studio condotto in otto paesi e pubblicato sulla rivista medica “EClinicalMedicine” del gruppo editoriale “The Lancet”.

Lo studio ha preso in analisi circa 500 mila parti avvenuti in casa e altrettante nascite avvenute in ospedale in Canada, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Giappone, Inghilterra, Svezia, Australia e Olanda. Il risultato non ha evidenziato alcuna differenza significativa nel livello di sicurezza delle due modalità in termine sia di mortalità durante il parto che nelle prime 4 settimane di vita del bambino.

Oggi in Italia la percentuale di donne che sceglie di partorire in casa, assistite da ostetriche, oscilla tra lo 0,2 e lo 0,4%. Per vivere serenamente questa scelta oltre ad essere in perfette condizioni fisiche è bene, per ogni evenienza, avere comunque un ospedale non troppo distante, raggiungibile nel giro di mezz’ora al massimo.





Comments are closed.

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti, questi ultimi per fornire ulteriori funzionalità agli utenti, quali social plugin e anche per inviare pubblicità personalizzata. Cliccando su (Accetto), oppure navigando il sito acconsenti all’uso dei cookie. Per negare il consenso o saperne di più
Leggi informativa privacy

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “%SERVICE_NAME%” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.